Obiettivi Agenda 2030: 17 immagini artistiche per sostenere lo sviluppo sostenibile e non fare più gli struzzi

In evidenza

Alessia Cocca
Fotografa, artista e persona caotica.

Tempo di lettura stimato: 3 minutiAgenda 2030 immagini

Gli obiettivi dell’Agenda 2030 deve diventare il nostro faro. Anzi, dovrebbe già esserlo. Dal 2015, da quando i paesi membri dell’Onu hanno sottoscritto il documento di 17 SDG’s per lo sviluppo sostenibile, ogni persona su questa terra avrebbe dovuto fare la sua parte. E pretendere lo stesso da chi è ai vertici a livello decisionale in campo politico, economico, industriale.

Eppure come dimostra l’andamento dei traguardi raggiunti c’è ancora molto da fare. E la “data di scadenza” si avvicina sempre di più, inesorabile, come una spada di Damocle sulle nostre teste, come un orologio biologico dell’umanità che non ammette deroghe, ritardi, rimandi. L’Agenda 2030 deve essere la nostra Bibbia della sostenibilità. Il nostro “dispenser” di buone pratiche. Per capire com’è messo il mondo e cosa possiamo fare per renderlo un posto migliore dove vivere. Lasciando in eredità ai nostri figli una Terra più sana, da ogni punto di vista.

L’Agenda 2030 per immagini, per raccontare i 17 obiettivi

Non è più tempo per far finta che andrà tutto bene. Greta Thunberg a Milano in occasione della conferenza Youth4Climate, come sempre, non usa mezzi termini. “Un altro mondo è necessario”, questo il suo appello al quale si uniscono tutti i giovani attivisti per il clima. Ragazzi e ragazze che Papa Francesco ringrazia in un video messaggio. «Desidero ringraziarvi per i sogni e i progetti di bene che voi avete e per il fatto che vi preoccupate tanto delle relazioni umane quanto della cura dell’ambiente. Grazie. È una preoccupazione che fa bene a tutti. Questa visione è capace di mettere in crisi il mondo degli adulti, poiché rivela il fatto che non solo siete preparati all’azione, ma siete anche disponibili all’ascolto paziente, al dialogo costruttivo e alla comprensione reciproca».

E proprio l’Agenda 2030 deve essere la fonte di ispirazione per guidarci, per non navigare a vista, per avere dei punti di riferimento, dei suggerimenti, delle azioni da eseguire velocemente. Obiettivo dopo obiettivo. Se Cingolani esorta i ragazzi non solo a protestare, ma ad aiutare a trovare soluzioni, si dovrebbe guardare più spesso a questo testo che non è solo un bel progetto di intenti. Ma una serie di linee guida già scritte, già delineate, già pronte da usare.

17 goal da segnare prima che sia troppo tardi

Sconfiggere la povertà. Per ridare dignità a ogni persona su questa terra.
Sconfiggere la fame. Per non dover più vedere bambini morire di fame e condividere le risorse che Madre Terra ci dona.
Garantire salute e benessere a tutti quanti. Perché se abbiamo imparato qualcosa dalla pandemia è che solo insieme si può sperare di migliorare la vita di tutti.
Garantire istruzione di qualità a ogni bambino e bambina, a ogni ragazzo e ragazza. Un’altra lezione che il coronavirus ci ha impartito, una sfida che ci ha trovato impreparati e che nel mondo è ancora un grande ostacolo per tanti studenti, di ogni età.

Promuovere la parità di genere. Un obiettivo molto sentito anche nel nostro paese dove il gender gap sembra sempre più un’utopia.
Assicurare acqua pulita e servizi igienico sanitari. Perché nel mondo ci sono ancora bambini e adulti che bevono acqua contaminata e non hanno un sistema fognario decente.
Incentivare l’energia pulita e renderla accessibile a tutti. La transizione ecologica tanto proclamata ultimamente passa anche da qui.
Garantire a tutti lavoro dignitoso e crescita economica. Perché come ha suggerito anche Papa Francesco, la dignità inizia dal lavoro.

Migliorare le imprese, promuovere l’innovazione, migliorare le infrastrutture.
Ridurre le disuguaglianze. Per promuovere un futuro più equo per tutti.
Promuovere le città e le comunità sostenibili. E ripensare il nostro modo di vivere i centri urbani.
Incentivare un consumo e una produzione responsabili. Perché anche il più piccolo gesto di cambiamento può fare la differenza.

Lotta al cambiamento climatico. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti quanti. E non possiamo più fare gli struzzi nascondendo la testa sotto una terra che non sopporta più il nostro impatto.
Preservare la vita sott’acqua. Per non dover più vedere animali marini soffrire per la nostra noncuranza.
Difendere la vita sulla Terra. Perché la biodiversità ci salverà.
Pace, giustizia, istituzioni forti. Per rendere il mondo un posto migliore per tutti.