L’intelligenza artificiale per combattere il coronavirus e migliorare le nostre città: l’impegno di Blimp in piena pandemia

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 3 minutiIl 2020 ci ha dato molte lezioni. Una tra tutte, l’importanza della salute e di politiche sanitarie volte a garantire una vita sana, promuovendo il benessere di tutti a ogni età.
La pandemia ha dimostrato come fossimo scarsamente preparati ad affrontare quella che è a oggi una delle più grandi sfide dell’umanità.

Nel nostro paese sono state molte le restrizioni messe in atto per cercare di contenere il virus. Mascherine, distanziamento, limitazioni negli spostamenti, contatti ridotti al minimo, per proteggere le fasce più deboli della popolazione ed evitare di mandare al collasso gli ospedali. Oggi che i vaccini offrono un barlume di speranza, ci ricordiamo quanto la salute sia fondamentale.
La stessa Agenda 2030 con il Goal 3 (Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età) promuove la prevenzione per migliorare la qualità della vita di tutti. Anche sfruttando la tecnologia che abbiamo a disposizione. E che può diventare nostra grande alleata.

Come controllare le misure di contenimento utili a sconfiggere il virus? L’idea di Blimp

Le regole ci sono, come si può aiutare a rispettarle? L’intelligenza artificiale viene in nostro soccorso. Blimp è una start up che, nel momento in cui è scoppiata l’emergenza, ha deciso di mettere a disposizione la sua tecnologia per aiutare aziende e imprese a ripartire più velocemente.
Nata nel 2017, ha sviluppato un sensore di intelligenza artificiale che serve a misurare i flussi delle persone e rilevarne ad esempio la distribuzione di genere e fasce di età. Dopo le restrizioni di marzo 2020, il gruppo, che collaborava con alcune realtà messe a dura prova dalle norme di sicurezza emanate (come i punti vendita e i centri commerciali), ha deciso di sfruttare il progetto per supportare la ripresa, già a partire dalla Fase 2, avviata tra aprile e maggio.

Blimp

L’intelligenza artificiale è stata addestrata per identificare le situazioni di rischio contagio: gli assembramenti e il mancato utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.
Il sensore è in grado oggi di riconoscere la distanza tra le persone e se indossano o meno una mascherina. Quando si registra una situazione di pericolo, viene inviato un alert, che può essere un avviso sonoro, una voce automatica che ricorda le regole, un allarme video.

Blimp Beat 19

I possibili utilizzi del sensore

La feature, chiamata Beat-19, è stata sfruttata principalmente in stabilimenti produttivi e uffici, per aiutare a riaprire fabbriche e aziende in sicurezza. I sensori sono stati installati nelle aree di ristoro, dove è più facile abbassare la guardia. Ma anche ne retail, per segnalare la presenza del numero massimo di persone che un ambiente chiuso può ospitare in base alla superficie disponibile.
Anche alcune amministrazioni comunali si sono interessate al progetto. A oggi ci sono installazioni in un’importante città della riviera adriatica, sul lungomare, per fornire informazioni sui flussi di pedoni, veicoli, bici e percentuale di utilizzo della mascherina.
Un sistema molto utile per monitorare con metodi analitici e scientifici le misure di sicurezza adottate ad esempio durante eventi con molte persone.

Beat-19

Le informazioni sono anonime e utilizzate nel pieno rispetto della privacy

Un punto cruciale per la tecnologia sviluppata da Blimp. Le informazioni vengono catturate da una telecamera posta all’interno del sensore. L’immagine viene processata all’interno dello strumento stesso, rigorosamente in forma anonima, aggregata e nel più totale rispetto della privacy, e immediatamente distrutta, non lasciando alcuna traccia. L’utente è informato in ogni postazione installata tramite la presenza di un’informativa in forma semplificata che dà indicazioni sul sistema utilizzato, e di un QR code che rimanda all’informativa in formato esteso, per leggere nel dettaglio il trattamento dati.
Alex Buzzetti, co-fondatore di Blimp, ha sottolineato quanto sia importante questo aspetto per il gruppo. Tanto da essere andati oltre le linee guida stabilite dal Garante, che prevedono elaborazioni sul sensore stesso e l’utilizzo dell’informativa, con una serie di ulteriori misure restrittive. Blimp ha creato un tavolo di lavoro con i principali player del mondo dell’advertising e del retail e con l’Istituto Italiano Privacy, coordinando l’elaborazione di un whitepaper sull’uso delle tecnologie di misurazione dell’audience.

Alex Buzzetti

La salute passa anche attraverso la creazione di città sostenibili

La tecnologia di oggi si mette al servizio del nostro domani, per trovare soluzioni all’avanguardia con il fine di garantire una qualità della vita migliore e rendere le città più vivibili.
In questa direzione va il progetto Blimp, che oltre al Goal 3 dell’Agenda 2030, abbraccia anche l’obiettivo 9 (innovazione) e l’obiettivo 11 (comunità sostenibili).
E in tal senso collabora attivamente con il Comune di Milano al fine di monitorare i progressi dell’amministrazione cittadina per quella svolta green necessaria in ogni centro urbano.

Grafico Blimp Milano

La città meneghina ospita dei sensori che possono fornire informazioni utili non solo per quello che riguarda gli effetti dei decreti e delle restrizioni emanati per il Covid, ma pure per quello che concerne la gestione della sicurezza o il monitoraggio della mobilità. Anche alla luce delle nuove piste ciclabili che sono nate nel capoluogo lombardo per promuovere spostamenti più sostenibili e migliorare di conseguenza la qualità dell’aria che i milanesi respirano ogni giorno.

Logo Blimp

- Pubblicità -spot_imgspot_img