Agricoltura sostenibile e tecnologie innovative: l’impegno di Agricolus per proteggere le risorse terrestri

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

agricoltura
Photo by cristan ruberti on Unsplash

Il pianeta ha bisogno dell’aiuto di tutti, per essere protetto dalle attività umane che possono danneggiarlo. L’agricoltura sostenibile è fondamentale per poter rispettare le risorse naturali, ma anche i lavoratori del settore, per unire sostenibilità economica, ambientale e sociale in un progetto a lungo termine che può garantire grandi risultati per tutti.

La sostenibilità applicata al settore può avere numerosi vantaggi. Rispettare le risorse naturali, come acqua, suolo, biodiversità. Ma anche proteggere il pianeta da agenti inquinanti. Senza dimenticare l’aspetto sociale, per aiutare la popolazione globale, dei paesi industrializzati e di quelli in via di sviluppo, ad avere accesso equo alle risorse e ai prodotti della terra, favorendo buone pratiche di commercio volte a garantire un miglioramento nella vita di tutti.

L’impegno dell’Agenda 2030

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 mirano a rendere più sostenibile ogni nostra azione, anche per quello che riguarda il settore agricolo, che in diverse zone del mondo è il principale mezzo di sostentamento.
Si va dall’obiettivo 2 – Fame Zero, per utilizzare pratiche amiche dell’ambiente che possano aumentare la produzione e difendere habitat ed ecosistemi, al goal 3 – Salute e Benessere, per garantire uno stile di vita sano per tutti, anche attraverso il cibo che portiamo sulle nostre tavole. Si passa dall’obiettivo 6 – Acqua pulita e igiene, per assicurare accesso a fonti idriche sicure, dall’8 – Lavoro dignitoso e crescita economica, dal 9 – Industria, innovazione e infrastrutture, dall’11 – Città e comunità sostenibili. Senza dimenticare gli obiettivi 12(Consumo e produzione responsabili) e 13 (Lotta contro il cambiamento climatico).

Per raggiungere i traguardi previsti dall’Onu per il 2030 abbiamo bisogno di tutte le migliori soluzioni possibili per rendere l’agricoltura sostenibile, sicura, equa.

Agricolus

La tecnologia al servizio dell’agricoltura sostenibile

Agricolus è una start up che offre soluzioni smart per un’agricoltura 4.0 che può davvero fare la differenza nell’ottica di salvaguardare l’ambiente. L’idea è nata dalla volontà di importare in Italia un’avanzata tecnologia legata all’agricoltura già molto diffusa in America. L’obiettivo è aiutare l’agricoltore, alle prese con i repentini cambiamenti climatici e con la competizione internazionale, a gestire e monitorare al meglio le proprie coltivazioni.

L’intervento del gruppo si basa su una piattaforma cloud, accessibile direttamente dal web creando un account. Il primo step, una volta entrati all’interno della piattaforma, è disegnare su mappa uno o più campi appartenenti all’azienda agricola. A questi si agganciano tutte le funzionalità. Si sfruttano le migliore tecnologie innovative per aiutare a rendere sostenibile il settore.

  • mappatura dei campi con sistemi GIS
  • indici di vegetazione calcolati da immagini satellitari per valutare lo stato di salute delle colture da remoto
  • modelli previsionali per fenologia
  • irrigazione e insetti dannosi o fitopatie
  • raccolta dati in campo con App mobile
  • organizzazione del lavoro
  • collegamento con sensori come stazioni agrometeo e trappole automatiche
  • mappe di prescrizione per la concimazione per una efficace applicazione dell’agricoltura di precisione

Agricolus

I benefici per gli agricoltori

Il grande vantaggio per gli agricoltori è che tutte queste tecnologie si trovano all’interno di un unico ambiente. I dati provenienti dalle diverse fonti vengono raccolti e integrati per fornire un completo Sistema di Supporto alle Decisioni (DSS). In questo modo gli agricoltori possono pianificare gli interventi in campo con maggiore efficacia, ridurre l’utilizzo di acqua, fertilizzanti e prodotti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità ambientale, ma anche economica.

Chi si affida alla start up può contare sulle migliori tecnologie e sull’assistenza del team. Si va dalla piccola azienda agricola a quella medio-grande e maggiormente strutturata, agli agri-food processors. Non mancano le associazioni di produttori come Assoprol. Il gruppo sta avviando svariati progetti legati alla filiera innovativa con aziende trasformatrici.
Inoltre chiunque voglia muovere i primi passi verso la digitalizzazione della propria azienda o semplicemente “fare conoscenza” con la piattaforma può utilizzare Agricolus Free, la versione gratuita per sempre fino a 10 ettari.

Agricolus

L’importanza della formazione

Agricolus crede nella formazione e nell’aggiornamento dei professionisti del settore (agronomi, periti, tecnici). Per questo è nata l’Agricolus Professional Academy: un valore aggiunto da offrire a chi decide di introdurre strumenti innovativi nel proprio lavoro, potendo contare sulla competenza della start up per trasferire il know-how necessario. Saper utilizzare le nuove tecnologie per l’agricoltura e interpretare i dati è fondamentale per servire al meglio le aziende agricole e aiutarle a ottimizzare la produzione e ridurre gli sprechi.

L’Academy rilascia vari livelli di certificazione in base al tipo di corso, per il quale
vengono riconosciuti i crediti formativi dal proprio Ordine di riferimento. I corsi partono dal
livello base, gratuito, a quello advanced. Gli incontri in presenza, al momento, sono rimandati a data da destinarsi, a causa dell’emergenza sanitaria. Il 2020 si è chiuso con un ciclo di webinar di stampo formativo che ha avuto grande seguito e nel 2021 è previsto il secondo.

Per gli studenti delle Università Agrarie e Forestali, Istituti Agrari, e Istituti Tecnici Superiori (ITS) è stata creata l’Educational Academy. Lo scopo è fornire una preparazione base di tipo tecnico e un kit per le esercitazioni in campo.

Agricolus

Le sfide dell’agricoltura a livello globale

L’agricoltura sostenibile è un obiettivo che dobbiamo raggiungere in ogni angolo del pianeta. I paesi in via di sviluppo devono affrontare le sfide di insicurezza alimentare, le esigenze di una popolazione raddoppiata negli ultimi quarant’anni e le pressioni dovute ai cambiamenti climatici. In Italia, l’agricoltura deve fronteggiare le sfide di un mercato che da un lato richiede maggiori quantità di cibo e dall’altro vede un consumatore sempre più educato ed esigente.

La start up aiuta gli agricoltori che devono aumentare produttività e profittabilità e sono alla ricerca di un’agricoltura che deve essere meno impattante sull’ambiente globale per evitare desertificazione (nei paesi in via di sviluppo), perdita delle biodiversità e frammentazione degli habitat (come accade in Italia per lo sfruttamento agricolo) e
mantenimento dell’equilibrio degli ecosistemi.

Il futuro dell’agricoltura deve essere sostenibile. Per il bene del pianeta e per garantire pari accesso alle risorse naturali in maniera ponderata. Non abbiamo più tempo da perdere e dobbiamo usare tutte le soluzioni smart in nostro possesso, lavorando per creare un sistema più equo per tutti.

Agricolus

- Pubblicità -spot_imgspot_img