HomeTagsItalianità

italianità

Ciao Giulia Crespi e grazie per il Fai

È scomparsa Giulia Crespi, fondatrice del Fai. «Chi ha avuto molto, deve dare molto». Lei iniziò con 500 milioni e il Monastero di Torba

L’Italia non è pizza, mafia e mandolino. Lo scivolone di Easyjet e stereotipi duri a morire

Easyjet promuove i suoi voli in Calabria parlando di mafia e terremoti. Uno scivolone che ci dimostra che i pregiudizi e gli stereotipi sul bel paese sono duri a morire.

Essere sostenibili, non solo per l’ambiente. Quando la sostenibilità migliora la qualità della vita

Blue Italy è un'azienda abruzzese che da sempre crede nella sostenibilità come punto di riferimento. Le sue mascherine, anche trasparenti, garantiscono il benessere di tutti. Per una sostenibilità ambientale, sociale ed economica.

Un 25 aprile senza feste. Ma nel pieno significato della Festa della Liberazione

25 aprile, Festa della Liberazione. Che nel 2020 assume tutto un altro significato. Anzi, torna al suo valore iniziale.

Turismo in Italia, come (e quando) sarà possibile riprendersi?

Come e quando si riprenderà il turismo in Italia? Viaggiare post Coronavirus sarà diverso. Torneremo a scoprire le mete di prossimità.

Siamo un paese a vocazione turistica. Ma lo diamo per scontato

Il bel paese di Dante e Petrarca. Lo stivale che da nord a sud, a est e a ovest offre mete indimenticabili che conquistano i turisti di tutto il mondo. Siamo un paese a vocazione turistica. Ma troppo spesso lo diamo per scontato, lo dimentichiamo.

Ha ancora senso oggi il Festival di Sanremo?

Il Festival di Sanremo è morto. O meglio è morto un modo di pensarlo. Storia di un Festival che ha unito gli italiani.

Federico Fellini: Nulla si sa, tutto si immagina. Un poeta visionario attuale più che mai

Federico Fellini, un genio visionario che ha saputo ricreare mondi fantastici in cui lo spettatore si perde. Personaggi, scenari, storie, ambientazioni attuali oggi più che mai, nei giorni in cui celebriamo i 100 anni dalla nascita.

Salvare le parole italiane perdute. Per combattere la cultura dell’odio e la comunicazione ostile

A cosa servono le parole? E a cosa servono le parole italiane dimenticate e perdute? Salvarle (e salvare i libri) è il primo passo per combattere la cultura dell'odio e la comunicazione ostile.

Innamorarsi dell’Italia, rischiare di odiarla per la burocrazia. Un’intervista per capire cosa significa diventare italiano

Oxana Senchenko, giornalista russa, racconta il suo iter con la burocrazia italiana, per vivere, lavorare e avere la cittadinanza.
- Advertisement -spot_img

Articoli da leggere