L’estate sta finendo, la seconda in era Covid: davvero un anno se ne va?

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

L'estate sta finendo
Foto @Alessia Cocca

«L’estate sta finendo e un anno se ne va», cantavano i Righeira, nella hit dell’estate del 1985.
Davvero l’estate sta finendo, ma non una stagione estiva qualsiasi. È la seconda dell’era Covid. La prima all’epoca del Green Pass.
Un periodo di svago anomalo, tra la voglia di leggerezza e di riprendere in mano la propria vita e la paura che la variante Delta e altre possibili varianti aprano la strada a scenari autunnali e invernali frutto di un déjà vu, di un film già visto e rivisto, che però sembra non avere mai fine. Come se fossimo finiti in un loop senza fine.

L’estate sta davvero finendo. E forse, proprio come i Righeira, non siamo ancora pronti ad accogliere quello che verrà. Nonostante le promesse della campagna vaccinale e i passi in avanti fatti in questi mesi in quella lotta contro la pandemia che ormai sembra senza fine.

L’estate che sta finendo sarà ricordata per il Green Pass

E per le polemiche che ne sono conseguite. Il lasciapassare verde ideato per muoversi con un po’ di libertà maggiore, per chi ha fatto il vaccino, è guarito dalla Covid-19 o si è sottoposto a tampone ricevendo esito negativo, sembrava poter risolvere ogni nostro problema. E così è stato, almeno per chi è riuscito a partire per vacanze di prossimità in Italia o per mete più lontane. Una misura condivisa da molti Paesi per dare una parvenza di normalità a un’estate che per la seconda volta ci ha visto mettere in valigia mascherine e igienizzanti.

Il timore adesso è per quello che verrà. Tra buoni propositi per iniziare settembre e un po’ di sano ottimismo e di speranze, ci ritroviamo qui con gli ombrelloni chiusi a chiederci se il coronavirus tornerà a chiuderci in casa. Oppure se torneremo a respirare un po’ di più.

Estate finita, è tempo di bilanci. Anche per i vaccini

Mentre i bagnini si preparano a pulire ombrelloni, lettini e spiagge, gli hotel si apprestano ad accogliere gli ultimi turisti settembrini, le case per le vacanze vengono pulite e chiuse in vista della prossima stagione estiva. E a livello regionale e nazionale si fanno i bilanci per quello che è stata la campagna vaccinale.

Partita poco dopo Natale 2020, cominciando dagli operatori sanitari e dai soggetti più fragili, mese dopo mese sempre più italiani, la campagna di vaccinazione continua. Con sempre più persone che hanno completato con la seconda dose e sempre più ragazzi giovani che si vaccinano. Ma non mancano le posizioni no vax.

Estate, uno stato d’animo da portarsi dietro in autunno e inverno

Sì, è vero, l’estate sta finendo. Manca poco per l’avvio dell’autunno. E con il rientro al lavoro e a scuola la fine sarà definitivamente sancita per tutti. Con lei non andranno via solo il sole, il caldo, le passeggiate in riva al mare, ma anche la leggerezza che caratterizza questo periodo. Per affrontare le sfide che inevitabilmente la vita porrà sulla nostra strada cercando di usare resilienza, positività e voglia di accettare il cambiamento e di abbracciarlo.