L’Italia non è pizza, mafia e mandolino. Lo scivolone di Easyjet e stereotipi duri a morire

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Il turismo in Calabria? È scarso, perché si sa che questa è una terra dove mafia e terremoti hanno reso più difficile la nascita di un turismo di massa.
Easyjet cerca di promuovere così i voli verso la regione del sud Italia. Facendosi un autogol clamoroso. E dimostrando di non conoscere nulla di quella splendida terra.
Italia: pizza, mafia e mandolino. Quando riusciremo a scrollarci di dosso uno stereotipo che nel 2020 fa ancora male al turismo italiano?

calabria

Photo by Serena Repice Lentini on Unsplash

Calabria, la gaffe di Easyjet.

Nell’estate 2020, quella dell’emergenza Covid-19, in cui si spingono gli italiani a riscoprire i luoghi del bel paese che il mondo ci invidia e che spesso noi snobbiamo, ecco che Easyjet cerca di promuovere i voli verso la Calabria. Splendida terra del sud che ancora non è oggetto di quel turismo di massa che, invece, coinvolge altre regioni prese d’assalto ogni estate. Ma nel farlo cade in uno stereotipo duro a morire.

La compagnia aerea Easyjet sul sito ufficiale, in una pagina che promuove la Regione Calabria come meta turistica del 2020, descrive questa parte d’Italia con parole che fanno venire i brividi.

Per un passaggio autentico della vivace vita italiana, niente di meglio della Calabria. Questa regione soffre di un’evidente assenza di turisti a causa della sua storia di attività mafiosa e di terremoti, e la mancanza di città iconiche come Roma o Venezia capaci di attrarre i fan di Instagram. Ma se cerchi un piccolo assaggio della dolce vita senza troppi turisti, allora sei nel posto giusto. Raggiungi le città costiere della costa tirrenica per spiagge sensazionali e mai affollate. Potrai essere tra i pochi turisti a conoscere e apprezzare veramente i tre spettacolari parchi nazionali di questa regione.

Sui social polemica è esplosa in un attimo. Per una gaffe clamorosa che non rende omaggio a una regione unica nel suo genere.

Le scuse della compagnia aerea.

Il testo è stato rimosso dal sito, anche se screenshot continuano a girare. Perché internet non dimentica.

EasyJet si scusa apertamente con tutti i calabresi e la Regione Calabria per la descrizione contenuta nella scheda informativa all’interno del sito. L’intento originale del testo era sottolineare quanto la Calabria sia sottovalutata all’estero da un punto di vista turistico.

Scuse non sufficienti, anche se Easyjet ci tiene a sottolineare che la Calabria è una terra che ama e che promuove da sempre con molti voli su Lamezia Terme.

vacanze in Calabria

Foto di Reinhard Thrainer da Pixabay

La Calabria è molto di più.

La Calabria è la punta dello stivale. Il sud più bello, più caldo e più accogliente d’Italia.
Le sue coste si affacciano sul Mar Ionio e sul Mar Tirreno.
Il clima è piacevole, il mare è cristallino, le coste alternano tratti rocciosi e litorali di sabbia. La natura è incontaminata. Senza dimenticare la cucina locale.
Ma la Calabria è anche storia, arte, architettura e conserva e protegge testimonianze del passato, essendo stata la culla della Magna Grecia e la patria dei Bronzi di Riace. È tradizione, cultura, natura.

La Calabria è il luogo ideale per una vacanza slow.
Nel 2017 il New York Times l’ha inserita nella lista delle 52 mete turistiche da non perdere. Unica regione in Italia.
Il lungomare di Reggio Calabria è “il più bel chilometro d’Italia“, come sosteneva Gabriele D’Annunzio. La regione ha bisogno di promozione turistica per scoprirne tutti i lati. Ma non di spot che ne danneggiano l’immagine con definizioni semplicistiche. E con cliché duri a morire.

Basta agli stereotipi sull’Italia.

La Calabria e l’Italia intera sono molto di più di “mafia, pizza e mandolino“.
Sono tante le etichette che sono state affibbiate agli italiani. Come ricordato nel video Italy the Extraordinary Commonplace presentato nel 2015 a Davos dal vice Ministro per lo Sviluppo Economico Calenda.
Il Made in Italy è ben altro. L’Italia è ben altro. C’è molto di più. Da scoprire. Allontanandosi da frasi fatte e immagini che distorcono negativamente la realtà.
Non che mafia, pizza e mandolino non esistano. Ma non possiamo ridurre un paese con una storia alle spalle come il nostro solo a questo. Non possiamo fermarci a marchiature che fanno male. Perché siamo molto di più. E dobbiamo iniziare a crederlo anche noi.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi contro Alfonso Signorini: volano insulti - Leggo.it-Lecce, fermato il presunto omicida di Daniele De Santis ed Eleonora Manta: è uno studente 21enne che era… - Il Fatto Quotidiano-Amazon Prime Day: le date 2020 e tutte le offerte per l’Italia - QuiFinanza-Soriano show, Mihajlovic sorride: 4-1 del Bologna al Parma - La Gazzetta dello Sport-Trump: miliardario millantatore o grande evasore? Miti e realtà di un impero - Corriere della Sera-Focolaio di coronavirus al Genoa: 14 positivi tra calciatori e staff - Il Fatto Quotidiano-Coronavirus: Trump annuncia arrivo test rapido - Ultima Ora - Agenzia ANSA-Reddito di cittadinanza, si cambia: stretta sui furbetti che rifiutano il lavoro - Il Messaggero-Napoli, Milik è fuori dal progetto: ci pensa l'Everton, ma cambia la formula - Calciomercato.com-Sondaggi, Swg: “La Lega perde altri 2,5 punti. Ora il Pd è a meno quattro. Fdi a -0,2% da M5s” - Il Fatto Quotidiano
Top