Vietato l’ingresso: i luoghi del mondo inaccessibili

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 3 minutiCi sono luoghi del mondo completamente inaccessibili. E non solo perché sperduti in mezzo al nulla e difficili da raggiungere. Non si può entrare per motivi religiosi e culturali, ma anche per ragioni di sicurezza nazionale e internazionale o perché si tratta di luoghi  talmente pericolosi da essere sconsigliati.

Luoghi proibiti e fuori dal mondo, che affascinano proprio per queste caratteristiche che li rendono unici. E nei quali tutti vorrebbero entrare, nonostante sia decisamente vietato l’ingresso.

Luoghi inaccessibili nel mondo

Il nostro viaggio inizia lontano. E non poteva che cominciare dagli USA e nella famigerata Area 51. Stiamo parlando di una base militare nel deserto del Nevada che da tempo viene associata alla visita di alieni sulla Terra, che sarebbero stati studiati proprio all’interno della struttura. Tempo fa alcune persone avevano anche organizzato un’irruzione, che si è conclusa con un niente di fatto. Stesso mistero anche per la base sotterranea segreta di Dulce, nel New Mexico. Anche qui si parla di strani avvistamenti nei dintorni: gli alieni sono tra noi?
In Giappone, invece, vietato entrare nel Santuario di Ise, dedicato alla dea Amaterasu Omikami e costruito nel terzo secolo. All’interno si trova il Sacro Specchio raffigurante Amaterasu. Il luogo dove si trova questo oggetto non è accessibile a nessuno, solo alla grande sacerdotessa o al sacerdote. In Cina, invece, non si può vedere la tomba del primo imperatore cinese, che si trova vicino a Xi’an, nella provincia Shaanxi. Il suo mausoleo si trova sottoterra ed è difeso dal famoso esercito di terracotta. Nessuno può accedere alla camera funeraria.

Per chi è in Brasile sarebbe bello poter vedere l’isola dei serpenti, l’isola di Queimada Grande, a 35 chilometri da Peruibe, nello stato di San Paolo. O forse no, non sarebbe bello ritrovarsi con 4000 serpenti striscianti, alcuni dei quali considerati i più velenosi al mondo. Solo pochi ricercatori possono accedere per studiare i rettili.

In India, poi, esiste un luogo dove nessuno ha avuto accesso da tempo, perché la popolazione residente non vuole avere contatti con nessuno e arriva anche ad aggressioni a suon di frecce per tenere tutti alla larga. È la North Sentinel Island, che si trova nel Golfo del Bengala. In Australia vietato entrare nella base militare di Pine Gap, vicino ad Alice Springs: un luogo misterioso e segreto, nessuno sa cosa si faccia lì dentro. In Etiopia, invece, non si può accedere al luogo che, all’interno della Cattedrale di Nostra Signora Maria di Sion, conserverebbe l’Arca dell’Alleanza. Solo il guardiano può.

area 51
Photo by Oliver Pacas on Unsplash

Luoghi inaccessibili in Europa

Il nostro viaggio prosegue nel vecchio continente, dove esistono diversi posti che non sono accessibili al pubblico.
Come lo Svalbard Global Seed Vault, che si trova nell’arcipelago delle Svalbard a più di 1000 km dal Polo Nord. Qui sorge un deposito sotterraneo con milioni di semi provenienti da ogni angolo del mondo (ma c’è posto per almeno 4,5 milioni). Qui si preserva la varietà delle piante, così nessun seme andrà perduto. Possono accedere solo pochi dipendenti.

In Gran Bretagna, invece, troviamo la RAF Menwith Hill, una base di spionaggio elettronico, una delle più grandi al mondo. La trovate a una ventina di chilometri di distanza a ovest da Harrogate, nello Yorkshire. Ma entrare è impossibile.
Nella vicina Francia, invece, divieto assoluto di entrare nelle Grotte di Lascaux, che ospitano moltissime opere d’arte parietale preistoriche che si sono conservate perfettamente dal Paleolitico superiore a oggi. Nel 1963, dopo un periodo di apertura alle visite, sono state chiuse, perché la presenza delle persone rischiava di distruggere questo patrimonio dell’umanità.

Spostiamoci a Pripyat, in Ucraina, in quella che è una vera e propria città fantasma, abbandonata dopo il disastro nucleare di Černobyl, nel 1986. Il luogo si può visitare solo con una guida ed è meglio rimanere fuori dagli edifici. La radioattività è davvero molto alta.

isola di Poveglia
Angelo Meneghini, CC BY 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/3.0>, via Wikimedia Commons

Esistono luoghi inaccessibili in Italia?

Tecnicamente non si può accedere agli archivi segreti della Santa Sede, che sorgono però in territorio vaticano, non proprio in Italia. Solo pochi ricercatori hanno la fortuna di entrare all’interno e solo per consultare documenti anteriori al 1939.

Nel nostro paese, poi, esiste un’isola che sembra essere un luogo stregato e che non è accessibile anche a causa dell’erosione che la sta letteralmente inghiottendo. È l’isola di Poveglia, dove negli anni Venti sorgeva anche un manicomio. Pare sia abitata da spettri che la infestano da decenni: l’avevano anche acquistata e qualcuno era andato a viverci, scappando poi di corsa. Oggi nessuno la abita e nessuno ci mette mai piede: è vietata anche la navigazione intorno alla costa, perché è pericoloso.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img