Altro che bonus vacanze. Ci vuole Chiara Ferragni per salvare il turismo

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minutiBonus vacanze? Spot che mostrano le bellezze dell’Italia? Sconti a chi soggiorna nei luoghi più esclusivi del bel paese?
Per rilanciare e salvare il turismo in Italia non serve niente di tutto ciò.
Ci vorrebbero più Chiara Ferragni. Che da Re Mida della moda, oggi è diventata la travel influencer dei miracoli.

Uffizi a Firenze
Photo by Juli Kosolapova on Unsplash

Il tour dei Ferragnez per l’Italia.

Ogni hashtag lanciato dalla coppia più seguita sui social è diventato ben presto trend topic. Spingendo gli utenti della rete a cercare informazioni e magari anche a cambiare le mete delle proprie vacanze, per seguire le orme della Blonde Salad.
Il tour italico dei Ferragnez ha toccato ad esempio le Cinque Terre, in Liguria. Con tanto di giro in barca. Non poteva poi mancare una puntatina a Portofino e Forte dei Marmi, da sempre considerate location di lusso per le vacanze estive.

https://www.instagram.com/p/CCiqYCzJGDu/

Celebre la visita agli Uffizi di Firenze. Secondo il direttore, dopo il loro passaggio c’è stato un boom di visitatori, soprattutto tra i più giovani. +27%.

https://www.instagram.com/p/CCvBhtsJn3D/

I Ferragnez sono anche approdati a Roma. Prime tappe, il Colosseo e Piazza San Pietro. Chiara Ferragni ha poi visitato la Cappella Sistina. Con polemiche annesse perché a quanto pare avrebbe fatto un tour guidato in solitaria scattando foto dove non è permesso.

https://www.instagram.com/p/CBgmBLAJ9H5/

A Lecce non poteva non partecipare alla sfilata che Dior e la direttrice creativa, Maria Grazia Chiuri, ha organizzato nella piazza del Duomo. Evento esclusivo riservato a pochi, anche a causa delle norme anti Covid. Che ha visto brillare tante stelle italiane e straniere. Riportando l’attenzione a quella Puglia che nell’estate del Coronavirus sembra essere la meta prediletta di tutti.

https://www.instagram.com/p/CDE5rqoKL1u/

E poi hanno fatto scoprire a italiani e stranieri il Giardino di Ninfa e Torrecchia Vecchia.
Toscana, Campania e Sardegna, potevano mancare? Ovviamente no! Ma il tour prosegue, tra foto e video che mostrano la bella Italia.

roma
Photo by Carlos Ibáñez on Unsplash

Boom di visite nei luoghi immortalati sui social.

Chiara Ferragni o la ami o la odi. Ma si sicuro non ti è indifferente. Soprattutto perché è innegabile il fatto che tutto quello che lei tocca si trasforma in oro.
Ha creato un impero con il suo blog di moda. E ha sdoganato la “pubblicità” sui social, diventando tra le influencer più famose non solo in Italia, ma nel mondo. Si è creata un business laddove ancora non c’era. E oggi è leader indiscussa del settore.
Ogni abito che indossa, ogni cosa che pubblicizza, ogni luogo che visita diventa in poco tempo trending topic su Google e sui principali social network. Perché gli utenti incuriositi dalle sue foto vogliono saperne di più. Vogliono conoscere la collezione a cui appartiene il suo ultimo look, spettegolare sul costo dei vestiti che lei, il marito Fedez e il figlio Leone indossano ogni giorno, curiosare i luoghi d’Italia e del mondo che visita. Da sola o in famiglia.

E le foto della sua estate italiana lo dimostrano.

puglia
Photo by Massimo Virgilio on Unsplash

Chiara Ferragni testimonial del turismo nel bel paese?

Finora la sua pubblicità è servita. E si è parlato non solo di lei e del suo tour tutto italico. Ma anche e soprattutto delle bellissime destinazioni scelte finora per le sue vacanze italiane. E di quei musei spesso snobbati dai turisti italiani.
Tutto merito dei 20 milioni di follower che la seguono. E della stampa che riprende ogni singola mossa della famiglia Ferragnez. Oltre che di haters e detrattori, che non fanno altro che alimentare il culto dell’influencer. Che però, in questa strana estate 2020, sta aiutando il turismo a decollare.

Una fashion blogger e un rapper testimonial del Made in Italy? Nel gioco dei like e degli share dei social forse è una risposta che può dare una mano in un momento di crisi. Anche se il turismo in Italia ha bisogno anche di altro.
Il turismo italiano ha bisogno di ambasciatori, influencer, testimonial. E dobbiamo essere noi i primi a promuoverlo nel mondo. Ognuno di noi.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome