L’Italia è una Repubblica fondata sul volontariato. Numeri, dati e chi sono i volontari italiani

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

volontariato
Photo by Zach Vessels on Unsplash

Il volontariato in Italia, come nel resto d’Europa e del mondo, è una risorsa preziosa. Soprattutto in alcuni settori della società di fondamentale importanza in cui potrebbero risentirsi molto le carenze a livello statale di personale e fondi utili a migliorare le condizioni di vita di molti. Proprio pochi giorni fa a Palazzo Madama la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati aveva elogiato quanti si dedicano all’aiuto degli altri senza chiedere nulla in cambio.
«Finalmente ritorna protagonista il meraviglioso mondo del volontariato, che celebra le eccellenze del terzo settore. Abbiamo il piacere oggi di vedere il volto di chi è in prima fila accanto alle persone bisognose. È, il nostro, un modo di dire grazie a chi ha sostenuto il nostro Paese durante il periodo difficile della pandemia, un esercito silenzioso che ha sostenuto il Paese da un punto di vista umano ma anche economico e che ha contribuito alla sua ripresa».

Chi sono i volontari in Italia oggi? Quanti sono? Quali sono i tipi di volontariato per i quali ci sono al momento molte disponibilità per aiutare chi si trova in difficoltà?
Tante le domande a cui rispondere per un quadro di insieme sul lavoro preziosissimo dei volontari e delle volontarie che gratuitamente mettono a disposizione le loro competenze, le loro capacità, il loro tempo.

Volontariato, il significato del termine

Con la parola volontariato si indica ogni attività non retribuita svolta da una persona. Nella maggior parte dei casi si fa riferimento ad attività di utilità sociale, per aiutare persone in difficoltà.
Un esempio sono i volontari della Croce Rossa o i volontari della Protezione Civile che ti abbiamo raccontato nel nostro approfondimento. Ma anche tutte quelle associazioni e fondazioni i cui soci o appartenenti dedicano parte del loro tempo per svolgere mansioni non retribuite volte a sostenere una casa, a prestare servizio di assistenza, a rispondere a emergenze di varia natura.
I volontari possono agire individualmente o, come di solito accade, in maniera collettiva, dando vita ad associazioni che hanno come unico scopo aiutare gli altri. Chiunque essi siano.

quanti sono i volontari in Italia
Photo by Ismael Paramo on Unsplash

Il volontariato in Italia oggi: quanti sono i volontari

Sono almeno 6,63 milioni i volontari stimati operativi. 4,14 di questi in organizzazioni. Il record spetta al Nord con il 16%, mentre i valori più bassi li troviamo al Sud (8,6%). Questo quello che emerge dal report “Attività gratuite a beneficio di altri“, una prima quantificazione del lavoro dei volontari in Italia pubblicata da Istat, CSVnet e Fondazione Volontariato e Partecipazione.
Il maggior numero di volontari in Italia ha un titolo di studio alto come la laurea (22,1%). Mentre è inferiore per chi ha la sola licenza elementare (6,1%). La maggior parte ha un lavoro stabile (14,8%) e vive in famiglie agiate (23,4%).
In media gli italiani in quattro settimane svolgono 19 ore di volontariato. Grande la presenza di donne e di anziani nelle attività non organizzate.

volontari
Photo by Jon Tyson on Unsplash

Tipi di volontariato, le aree in cui si opera di più

Il settore è in forte crescita, ma quali sono i tipi di volontariato in cui i volontari italiani sono più attivi? Secondo i dati dell’ultimo censimento Istat dedicato proprio al tema, la maggior parte è coinvolta in progetti dedicati a cultura, sport, attività ricreative, attività di socializzazione. A seguire in ordine per numero di volontari in Italia troviamo cittadini impiegati in ambiti sociali e nella Protezione Civile, in ambito sanitario e medico, nel settore della tutela dell’ambiente e degli animali, in progetti di tipo religiosi, nell’istruzione, nei sindacati.

Fare volontariato fa bene, a chi riceve supporto e a chi lo dona. Un settore in crescita che ha bisogno del supporto di tutti, Stato compreso, per poter intervenire in fase di emergenza e non in ogni ambito. Portando realmente aiuto in ogni luogo in cui ce ne sia bisogno, senza chiedere nulla in cambio se non la possibilità di mettersi a disposizione quando e dove serve.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img

Correlati