Mercato del lavoro, le professioni più richieste

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

professioni del futuro
Photo by Kristine Wook on Unsplash

La pandemia da Coronavirus ha messo alla prova il mercato del lavoro internazionale.
Ci sono stati Paesi che hanno difeso il diritto alla salute trincerandosi in lockdown e stop prolungati che hanno messo in crisi l’economia globale. E altri che, invece, hanno preferito continuare come se niente fosse, pagando però un alto prezzo in termini di vite umane.
Tutti i settori sono stati colpiti da un evento senza precedenti. Con la conseguenza che molti lavoratori hanno perso il loro posto, sono stati ricollocati con mansioni a breve termine e numerosi imprenditori hanno dovuto chiudere le loro attività.
Il blocco e le restrizioni messi in atto per sconfiggere il virus avranno ripercussioni ancora a lungo. E oggi c’è chi si chiede quali sono i professionisti più richiesti e quali sono le mansioni a rischio per il futuro.

La situazione economica e del mercato del lavoro in Europa

Secondo le ultime stime, si prevede che l’economia del vecchio continente possa ridursi di circa il 7%. Mentre il tasso di disoccupazione è destinato a salire dal 6,7% del 2019 al 9%, come da previsioni economiche della Commissione Europea. E potrebbe non fermarsi qui.

Le perdite per le aziende europee e di tutto il mondo in generale sono ingenti. E si riflettono anche su problemi per quello che riguarda la forza lavoro. Ci sono però delle eccezioni. Alcuni settori, infatti, non solo non hanno subito cali e perdite, ma anzi stanno vivendo un momento di maggiore successo, perché operano in settori in cui la domanda è aumentata.
Di conseguenza in questi ambiti sono richieste professionalità che potrebbero diventare quelle di maggiore successo per il futuro. Per chi è alla ricerca del primo impiego o vuole trovare una nuova strada nel mondo del lavoro, sono almeno sei le professioni che hanno una domanda crescente in questo momento, come ricordato da Jobsora, il sito dedicato a chi cerca lavoro in Italia.

mercato del lavoro
Photo by krakenimages on Unsplash

Le professioni del futuro

Secondo i dati a disposizione del sito, ecco i lavori per cui c’è continua ricerca di personale qualificato.

  1. Specialisti sanitari. La pandemia da Covid-19 ha messo in evidenza le carenze in un settore strategico. La salute è fondamentale e gli operatori sanitari sono molto richiesti, così come tutte le professioni collegate. I bisogni della popolazione aumentano e di conseguenza dovrebbe aumentare anche la forza lavoro. Infermieri e dottori, ma non solo.
  2. Corrieri. L’emergenza sanitaria ha fatto aumentare gli ordini online, anche per quello che riguarda il settore della ristorazione. Un’ottima opportunità lavorativa (se fosse regolamentata, ovviamente, con contratti ad hoc).
  3. Telecomunicazioni. Le aziende lavorano a distanza per garantire la sicurezza dei dipendenti. E per questo devono avere tutte le attrezzature digitali migliori per far fronte alle nuove esigenze del mercato del lavoro.
  4. Lavoro da remoto. Sviluppatori web, autori di contenuti, esperti di marketing e molte altre mansioni che si svolgono in smart working sono al momento molto richieste. Si tratta di professionisti che non hanno bisogno di lavorare in azienda, ma potenzialmente possono operare ovunque.
  5. Ingegneri informatici. In particolare legati al settore dei software. Sono davvero molto richiesti gli sviluppatori, che possono anche lavorare da casa.
  6. Data Analyst. Molte aziende assumono oggi analisti di dati per aiutare ad analizzare l’impatto della pandemia sulle loro attività.

trovare lavoro
Photo by Daria Pimkina on Unsplash

Chi rischia invece di perdere il lavoro?

Parliamo di tutti quei lavoratori che operano in settori che hanno avuto un notevole calo della domanda e hanno subito enormi perdite economiche. Secondo una ricerca condotta da McKinsey & Company, circa 7,6 milioni di posti di lavoro sono a rischio. I soggetti più vulnerabili sono le persone con redditi bassi e chi opera negli ambiti più colpiti dal distanziamento sociale, come l’ospitalità, la vendita al dettaglio, l’intrattenimento artistico, i trasporti, le costruzioni.

Le aziende devono cercare di limitare i danni di una situazione che potrebbe non risolversi a breve. Aiutando i dipendenti a mantenere il posto di lavoro, attraverso una serie di strategie da mettere in atto subito.

  • Formazione dei dipendenti per lavorare da remoto, per convertire ogni attività in smart working.
  • Funzionamento flessibile, per lavorare anche da casa nelle migliori condizioni.
  • Miglioramento della comunicazione aziendale, per tenere sempre informati i propri lavoratori.
  • Revisione delle politiche sanitarie della società, perché la salute è di primaria importanza.
  • Garanzia di un ambiente di lavoro sicuro per tutti, con linee guida utili a preservare il benessere dei lavoratori.

La salute dei dipendenti deve essere presa sul serio. E questa è una lezione che la pandemia da Covid-19 ci ha insegnato. Cerchiamo di non sprecarla.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome