Il 25 aprile spiegato ai bambini

In evidenza

Patrizia Chimera
Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 3 minutiIl 25 aprile spiegato ai bambini con parole semplici che anche i più grandi possono capire.

Ogni anno in questa data celebriamo la Festa della liberazione. Un momento importante. E non solo perché non si va a scuola. È una data che ha fatto la storia, perché ha ridato all’Italia e agli italiani la libertà. Ma da cosa?

Se vuoi raccontare il 25 aprile ai più piccoli di casa e se vuoi fare un ripasso veloce anche tu, ecco parole, schede didattiche, video e altri strumenti utili per approfondire il tema.

Come spiegare e raccontare ai bambini la festa della liberazione

La Festa della liberazione o anniversario della liberazione d’Italia si celebra il 25 aprile. È una festa nazionale della Repubblica Italiana e ricorda la liberazione del nostro paese dall’occupazione nazista e dal regime fascista. Nei libri di storia è una data fondamentale.

Siamo nel 1945. Il mondo è in guerra da più di 5 anni.
L’esercito tedesco al comando del dittatore Adolf Hitler occupava l’Italia del Nord, dopo che il resto del paese era stato liberato lentamente liberato. I fascisti italiani, guidati da un altro dittatore, Benito Mussolini, erano alleati della Germania di Hitler durante la seconda guerra mondiale. Mentre dall’altra parte Inghilterra, Francia e USA combattevano uniti per liberare il mondo dall’occupazione dei nazisti tedeschi e da ogni forma di fascismo. Ma non solo gli eserciti stranieri cercavano di liberare il nostro paese. C’erano anche tanti italiani, i partigiani, il cui scopo era quello di regalare alla patria un futuro senza dittature. Semplici cittadini che si erano uniti per cercare di combattere il nemico che aveva tolto ogni forma di libertà.

Il 25 aprile del 1945, quando parte dell’Italia era già stata liberata da americani e inglesi che avanzavano verso Nord, i partigiani proclamarono ufficialmente lo stato di ribellione nelle città ancora occupate dai nazisti e dai fascisti.
Il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI) con sede a Milano annunciò l’insurrezione generale, chiedendo a tutte le forze partigiane del Nord Italia (Corpo Volontari della Libertà) di attaccare i nemici obbligandoli alla resa, prima che le truppe alleate arrivassero.
Il CLNAI prese anche delle decisioni assumendo il potere «in nome del popolo italiano e quale delegato del Governo Italiano», condannando a morte tutti i gerarchi fascisti (Benito Mussolini verrà ucciso pochi giorni dopo).
Arrendersi o perire: questa la parola d’ordine di tutti i partigiani, che nei giorni successivi al 25 aprile hanno collaborato attivamente per liberare il Nord Italia dopo 20 anni di dittatura fascista e 5 di guerra.

Il 25 aprile rappresenta simbolicamente la vittoria della Resistenza sugli occupanti. E la liberazione ufficiale del nostro paese dopo uno dei periodi più bui della nostra storia più recente.
Dal 22 aprile 1946, su proposta del presidente del Consiglio Alcide De Gasperi, il Re Umberto II, allora principe e luogotenente del Regno d’Italia, stabilì che d al 25 aprile di quell’anno si sarebbe celebrata la totale liberazione del territorio nazionale. Solo il 27 maggio 1949 con la legge 260 venne istituita come festa nazionale. Che celebriamo ogni anno ancora oggi, per non dimenticare.

seconda guerra mondiale
Photo by Etienne Girardet on Unsplash

25 aprile spiegato ai bambini: schede didattiche dalla scuola dell’infanzia in poi

Per raccontare la Festa della liberazione dalla scuola dell’infanzia in su ci sono tante schede didattiche che possiamo proporre a scuola, come a casa.
Save the Children propone un approfondimento al tema, così come Maestra Mary e Maestra Anita con tante schede utili per i bambini più piccoli. Non possono mancare poesie sul 25 aprile, Infine qui un video tutorial per un lavoretto da fare in occasione della Festa della liberazione.

E non mancano anche diversi libri dedicati al 25 aprile.

  • Bella ciao di Paolo Cardoni
  • Una partigiana di nome Tina di Anselmo Roveda e Sandro Natalini
  • Fulmine, un cane coraggioso. La Resistenza raccontata ai bambini di Anna Sarfatti e Michele Sarfatti
  • La bicicletta di mio padre di Fabrizio Roccheggiani
  • La giacca rossa di Nadia Bellini
  • Era un giorno qualsiasi di Lorenzo Guadagnucci
  • Zia, che cos’è la Resistenza? di Tina Anselmi
  • Fuochi d’artificio. Il piano segreto di quattro giovanissimi partigiani di Andrea Bouchard
  • I ventitré giorni della città di Alba di Beppe Fenoglio
  • Storia di Leda. La piccola staffetta partigiana di Ermanno Detti
  • Partigiano Rita di Paola Capriolo

festa della liberazione
Gius195, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

25 aprile spiegato ai bambini: video da guardare insieme

Infine, ecco una serie di video da guardare insieme.

Buona festa della liberazione.
- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome