Perché battersi per i diritti negati alle bambine e alle ragazze è un’assicurazione per il futuro