Archiviati arcobaleni e “Andrà tutto bene”, arrivano i sassi per regalare sorrisi

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minutiUn anno fa appendevamo fuori di casa cartelloni e lenzuola con arcobaleni e la scritta “Andrà tutto bene“. Dimostrando anche innate doti canore con karaoke improvvisati sui balconi, per farci coraggio.

A un anno di distanza dal giorno che ha cambiato le nostre vite, non sono più questi gli escamotage che ci danno la forza di andare avanti. Ma dei sassi disegnati che vogliono regalare sorrisi a chi li trova per strada. Un’iniziativa non nuova, ma che adesso va particolarmente di moda, per dimostrare vicinanza e attenzione verso l’altro in quella che di fatto è la terza ondata di coronavirus.

Cos’è un sasso per un sorriso?

Un sasso per un sorriso è un’iniziativa per diffondere positività e, come suggerisce il nome stesso, regalare un sorriso a chi sta attraversando un momento non proprio facile.
L’idea non è recente, ma la pandemia ha diffuso una pratica che sta prendendo sempre più piede in tutta Italia.
I primi sassi colorati lasciati in giro per essere trovati da perfetti sconosciuti a cui regalare un sorriso sono stati realizzati da Heidi Aelling, una casalinga di origini svizzere che da qualche tempo vive a Recanati, nelle Marche.
Lei ha realizzato le sue prime opere d’arte qualche anno fa. Nel 2020, anno di esplosione della pandemia da coronavirus, l’iniziativa è tornata in auge e in questo 2021 ancora caratterizzato dall’emergenza sanitaria si sta diffondendo anche fuori dai confini marchigiani.

sassi dipinti
Foto di Oakville News su Unsplash

In un’intervista radiofonica, Heidi ha raccontato di aver preso spunto da un progetto analogo molto diffuso in Svizzera, Svezia e America. Così ha deciso di creare un gruppo anche in Italia, che all’inizio era molto ristretto, ma che grazie al passaparola sui social si è diffuso in breve tempo, in tutta la penisola.

Come funziona l’iniziativa un sasso per un sorriso

Partecipare è davvero molto semplice. Si prendono dei sassi, di ogni forma e dimensione. E si colorano, per essere essere lasciati in strada, ben nascosti o visibili, in modo da essere trovati più facilmente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mary_Poppins (@centro_infanzia_mary_poppins)

Chi trova un sasso posta la foto sul gruppo Facebook “Un sasso per un sorriso” (dietro la pietra bisogna scrivere le istruzioni per chi non conosce il progetto), in modo da ringraziare chi ha compiuto un gesto carino lasciando in strada la sua opera d’arte per rendere migliore la giornata di qualcun altro. Una vera e propria caccia al tesoro, in cui la premiazione finale consiste da un lato nella soddisfazione di vedere la propria creazione pubblicata e apprezzata e dall’altro di aver ricevuto un dono per ritrovare la serenità in un giorno in cui magari tutto andava storto.

I sassi si possono prendere, lasciare, spostare, l’importante è postare la foto sui social network, che per una volta sono fonte di positività.
L’idea piace molto ai bambini. Heidi tempo fa aveva anche organizzato una caccia al tesoro a Giulianova, in Abruzzo, dedicata ai piccoli cercatori. E si augura di poterla rifare al più presto possibile.

sassi
Foto di Derzulya Zaza su Unsplash

Sassi colorati e impatto ambientale

La stessa “fondatrice” del movimento in Italia chiede di rispettare l’ambiente, evitando di usare colori che possano essere pericolosi per l’uomo e per il territorio. Inoltre, sarebbe meglio evitare di portare via i sassi dalla natura (si possono anche trovare in vendita a poco prezzo). Lo sapevi che raccogliere sassi e conchiglie in spiaggia o lungo un fiume può essere dannoso per l’ambiente? E inoltre è illegale, come stabilito dall’art.1162 del Codice della Navigazione e anche da alcuni regolamenti regionali e locali. Le multe possono essere anche molto salate, perché si portano via oggetti naturali che appartengono al demanio. E quindi a tutti noi.

Ricordiamoci sempre di rispettare l’ambiente, per regalare anche alla Terra un sorriso con le nostre opere d’arte.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome