I videogiochi insegnano l’inclusione. Anche quando si parla di diversità e malattie incurabili