Alunni fragili costretti alla didattica a distanza?