Essere single ai tempi del Covid è una maledizione?

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 3 minutiLa vita al tempo del Coronavirus non è facile per nessuno. Non lo è per chi è in prima linea negli ospedali, per chi spera di guarire, per i famigliari dei positivi in attesa di buone notizie, per chi ha perso un caro, per i ragazzi che non possono andare a scuola, per i bambini che non possono vedere amici e nonni, per i genitori ancor più sopraffatti dalle incombenze della gestione famigliare, per chi è solo.

Anche essere single ai tempi del Covid non è semplice. Anzi, c’è chi ritiene che sia una maledizione. Perché i rapporti sociali sono ridotti al minimo e così le occasioni di trovare l’anima gemella. Eppure le app di incontri hanno registrato un boom di iscrizioni e accessi. La tecnologia può allontanare lo spettro della solitudine nelle persone sole per scelta o perché il destino ha messo il bastone tra le ruote del carro dell’amore?

Cosa vuol dire essere single in piena pandemia?

La pandemia globale ha reso la vita difficile a chi cerca l’amore. Essere single oggi vuol dire fare i conti con una solitudine che talvolta è difficile da superare. Perché non si hanno le occasioni per incontrare gente nuova, così come amici e famigliari in grado di tirarci su il morale.
Siamo animali sociali e l’emergenza sanitaria scatenata dal virus SARS-Cov-2 ha messo in luce quanto i rapporti sociali siano importanti per ognuno di noi. Soprattutto per chi vive da solo. Trovare l’anima gemella è complicato. Le restrizioni, le limitazioni agli spostamenti, l’impossibilità di ritrovarsi nei luoghi deputati alla socialità e alle nuove conoscenze hanno giocato un brutto tiro a quanti erano alla ricerca dell’amore.

A farne le spese sono soprattutto i più giovani, come rivelato da un’indagine condotta insieme dagli esperti di diversi istituti (Università di Copenaghen, University College di Londra, Sorbonne di Parigi, Istituto francese di salute e ricerca medica INSERM, Università di Groningen). Ma anche chi non ha alcun appoggio morale in persone care vicine. Le conseguenze a lungo termine potrebbero essere devastanti.

solitudine coronavirus
Foto di Ismail Hamzah su Unsplash

C’è chi si affida alla tecnologia e chi invece rimane in attesa di tempi migliori

Come uscire dalla solitudine? C’è chi ci ha messo una pietra sopra, attendendo che tutto passi o almeno di poter uscire in totale sicurezza per “fare alla vecchia maniera”. E chi, invece, ha deciso di giocarsi le uniche carte a disposizione fornite attualmente dalla tecnologia. Tutte le app per appuntamenti hanno registrato un aumento degli utenti e degli swipe, fin dai primi giorni di reclusione, sarà un caso?
In America una ricerca di Match.com svela che il 58% delle persone ha scelto di passare ad appuntamenti meno occasionali, mentre il 69% è più onesto con chi incontra e il 63% si impegna a conoscere l’altro. Sono cambiate le priorità in  amore.
Come dimostra anche un sondaggio condotto in Italia dal sito di incontri Meetic che rivela che il 57% (66% donne) vuole qualcosa di più sincero e di più autentico, aspetto che finora pare fosse mancato negli appuntamenti di questo tipo. Il 60% cerca una storia seria, a dimostrazione che la pandemia ha reso ancora più forte la necessità di trovare il vero amore. Perché di fatto l’emergenza sanitaria globale ha cambiato la nostra visione d’insieme. E anche la ricerca spasmodica dell’amore ha rallentato i suoi ritmi, permettendo di approfondire meglio quello che vorremo e quello che stiamo cercando.

essere single ai tempi del covid
Foto di Chris Liverani su Unsplash

Essere single ai tempi del Covid può anche essere un’opportunità

La quarantena forzata e l’isolamento sociale, però, possono rappresentare anche un’opportunità da cogliere al volo, in attesa di tempi migliori. “Andrà tutto bene“, ci dicevamo nella primissima ondata e nel lockdown più duro che abbiamo affrontato. E forse guardando a chi ha approfittato di questi periodi di solitudine obbligata per imparare a conoscersi e ad amarsi, è davvero andato tutto abbastanza bene.
Il periodo storico che stiamo vivendo ha spinto molti di noi a riflettere sulla propria vita, sulle aspettative, su quello che realmente desideravano. Anche in amore.

Da questo punto di vista la pandemia offre ai single un’opportunità più unica che rara. Ritrovare se stessi per capire davvero cosa si vuole e dove si vuole andare. Anche quando si parla di relazioni sentimentali. E non è poco.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img