Stranieri in Italia, numeri in calo per la prima volta in 20 anni (complice la Covid-19)

In evidenza

Patrizia Chimera
Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione
Tempo di lettura stimato: 2 minuti
immigrazione in italia
Foto di Jeyaratnam Caniceus da Pixabay

Il numero di stranieri in Italia è in diminuzione. E non succedeva da 20 anni.
Il prossimo giovedì 28 ottobre 2021 verrà presentato il Dossier Statistico Immigrazione 2021, del quale sono state date piccole anticipazioni.
L’Italia, a causa della pandemia, ha assistito a una diminuzione della presenza straniera, complice anche la pandemia. Per gli esperti è il calo più alto mai registrato: a diminuire sono i residenti e la forza lavoro.

Diminuiscono gli stranieri in Italia

Il 31esimo dossier statistico immigrazione di Idos, realizzato in collaborazione con Confronti e Istituto di studi politici S.Pio V, spiega che dopo 20 anni di crescita praticamente ininterrotta, nel nuovo report si scopre che il numero di stranieri in Italia è diminuito. E non compensa più il saldo demografico naturale (ricordiamo che la natalità nel nostro paese è in continuo calo).
L’Italia in un anno ha perso quasi 200mila abitanti. I residenti stranieri sono diminuiti di 26.422 unità (-0,5%) e oggi sono 5.013.215.
Questa diminuzione è frutto di diversi fattori:

  • iscrizioni all’anagrafe di stranieri arrivati in Italia dall’estero
  • cancellazioni di stranieri che hanno lasciato il paese per andare all’esterno
  • acquisizioni di cittadinanza italiana da parte di persone straniere
  • nascite e decessi dell’anno
  • cancellazioni effettuate d’ufficio per irreperibilità o perdita dei requisiti

Tutte queste voci del bilancio demografico del 2020, l’anno della grande pandemia, hanno svelato che gli stranieri sono diminuiti. Sono calate di un terzo, ad esempio, le iscrizioni dall’estero di residenti stranieri(-33,0%) rispetto al 2019 e di poco meno (-30,6%) rispetto alla media degli ultimi 5 anni.

Il saldo migratorio estero (ovvero la differenza tra stranieri iscritti dall’estero e stranieri cancellati per l’estero) è invece positivo, con un incremento di 147.622 unità, ma comunque più bassa di 58mila unità rispetto ai dati del 2019.

Stranieri in Italia
Photo by Tim Mossholder on Unsplash

Differenza tra nati e morti in Italia nel 2020

Se stiamo assistendo a un calo della natalità da un lato, dall’altro, anche a causa dell’epidemia da coronavirus, dobbiamo registrare un aumento della mortalità. Il saldo naturale della popolazione totale è negativo per 342.042 unità. Gli italiani perdono, tra i nuovi nati e chi purtroppo non c’è più, 392.108 persone. Mentre la componente straniera aumenta di 50.066 individui. Gli effetti della pandemia in quanto a mortalità hanno colpito meno i stranieri, a causa dell’età più bassa, ma comunque la mortalità tra di loro è cresciuta in un solo anno del 25,5% (1.892 decessi in più del 2019), con un aumento maggiore nel Nord-Ovest (+36,0%), dove il virus si è diffuso per primo e con una violenza maggiore.

immigrazione