Profughi, migranti e richiedenti asilo: le differenze