Realtà virtuale e aumentata fanno rivivere chi non c’è più