Disinformazione e pandemia, un connubio (quasi) perfetto