Bambini su misura. L’eugenetica per migliorare la razza umana o per creare una razza “pura”?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Bambini su misura. Creati a tavolino prima della nascita scegliendo i geni migliori.
Padri e madri che decidono a priori quali sono i tratti migliori che il proprio figlio dovrà avere alla nascita. E quali i peggiori da scartare.
L’eugenetica torna a far parlare di se.
E torna alla mente la pratica nazista per la creazione di una razza pura, ariana, migliore.

Una tecnica per migliorare la qualità genetica della razza umana o per creare una razza umana superiore?
L’etica si pone delle domande: fino a quanto siamo disposti a spingerci?

bambini su misura

Photo by Gary Bendig on Unsplash

Cos’è l’eugenetica.

Eugenetica: “Disciplina che si prefigge di favorire e sviluppare le qualità innate di una razza, giovandosi delle leggi dell’ereditarietà genetica“.
La Treccani dà una spiegazione precisa, sottolineando che il termine è del 1883 e fu coniato da F. Galton.
Venne ripreso in ambito darwinistico e malthusiano. Ebbe larga diffusione nei paesi anglosassoni.
Anche se la nostra mente, parlando di eugenetica, non può che andare alla Germania nazista.

Nella prima metà del 20esimo secolo si parlava di un vero e proprio movimento politico e sociale. Per la riproduzione di soggetti che potessero essere socialmente desiderabile. E per la prevenzione della nascita di soggetti non desiderabili. Eugenetica positiva VS eugenetica negativa.
Teorie e pratiche si fanno sempre più insistenti e precise con le scoperte mediche del 20esimo secolo. Grazie agli studi sul patrimonio genetico umano si scoprono strade per poter selezionare i geni dei soggetti a rischio di malattie con diagnosi prenatale o diagnosi pre impiantatoria. Ma anche attraverso la modificazione delle informazioni genetiche delle cellule somatiche, germinali e degli embrioni prodotti in vitro, per prevenire e curare.

Da un lato le applicazioni in ambito medico. Per prevenire o curare malattie prima ancora che si presentino. O per scoprire durante la gravidanza potenziali patologie del feto incompatibili con la vita. O con una vita in salute.
Dall’altro applicazioni che fanno storcere il naso eticamente parlando. L’eugenetica permetterà ai futuri genitori di decidere come saranno i loro figli? Inizierà l’era dei bambini su misura?
Quell’era non è poi così lontana come si potrebbe pensare.

eugenetica

Photo by Brandon Day on Unsplash

Negli USA bambini su misura.

Technology Review, rivista del “Massachusetts Institute of Technology” (MIT), ha annunciato che la start up del New Jersey Genomic Prediction ha messo a punto un test genetico per selezionare tra gli embrioni disponibili quelli che riescono a soddisfare meglio alcuni aspetti.
Si possono eliminare, ad esempio, gli embrioni che possono essere affetti da 11 malattie, tra cui anche diabete, colesterolo, tumori. O quelli che non rispettano le aspettative dei genitori in quanto ad altezza del bambino. O a intelligenza.
Una selezione, per avere il bambino perfetto, quello sognato e desiderato. Senza sorprese alla nascita. O riducendole al massimo. Non solo per questioni di salute. Ma anche per questioni estetiche.

Per gli scettici, una vera e propria fabbrica di bambini su misura. Già presente in 12 cliniche nel mondo. Sei negli USA.
L’Italia al momento non è coinvolta, anche perché la legge da noi parla chiaro. La diagnosi pre-impianto può essere eseguita solo in caso di malattie genetiche dei genitori.
Ma in altri luoghi del mondo, invece, non ci sono limiti o paletti.
Quanto può essere etico e corretto tutto ciò? E reale, soprattutto? Davvero possiamo predire quanto sarà alto un bambino prima ancora che il “miracolo della vita” abbia avuto inizio?
Cauti gli esperti del Mit: “È irresponsabile suggerire che la scienza è arrivata al punto in cui può efficacemente predire quale embrione scegliere per minimizzare il rischio di malattie. La scienza semplicemente non ci è ancora arrivata“.

Eppure la start up fa promesse precise ai futuri genitori. E garantisce a breve una conferenza stampa per raccontare il “grado di soddisfazione” di chi si è già sottoposto al test.
Fino a quanto siamo disposti ad accettare pratiche di questo tipo? E siamo certi che si tratta di evoluzione della scienza e non di una sua involuzione?

genetica

Photo by Christian Bowen on Unsplash

La realtà supera la finzione cinematografica.

Nel 1997 un film di fantascienza aveva previsto scenari di questo tipo.
Gattaca – La porta dell’universo di Andrew Niccol, con Ethan Hawke, Jude Law e Uma Thurman, raccontava di un futuro in cui gli esseri umani potevano selezionare il corredo genetico dei propri figli con cellule embrionali controllate. Tramite l’eugenetica si poteva avere prima della nascita un controllo sulla salute e sulle condizioni del corpo dei bambini. Per figli scientificamente perfetti.
Il film raccontava così della nascita di due caste. I bambini frutto dell’eugenetica, perfetti, che governavano il mondo. E i bambini nati tradizionalmente, destinati a non avere successo, a vivere nell’ombra, a fare i lavori più poveri.

Spesso la finzione cinematografica non si allontana molto dalla realtà. E l’idea della start up americana pone dubbi sull’eticità di quanto promesso.
I sani hanno più diritto dei malati a vivere? Fino a dove si può spingere la genetica nello stabilire chi deve sopravvivere e chi no?
Quali implicazioni sociali la diffusione di un modello di questo tipo potrebbe avere: davvero si creerebbero due caste, i perfetti e i non perfetti, i validi e i non validi, i predestinati e i reietti?
La scienza si pone domande. Alle quali non sempre è facile rispondere. Perché prevedere il futuro non è facile. Ma di certo è facile evitare di cadere in errori che già in passato hanno scritto pagine buie e aberranti della nostra storia.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Le banche mandano in rosso il FTSEMib - SoldiOnline.it-Lite all'intervallo tra Simeone e Nagelsmann? Il tedesco: "Ci sono le telecamere..." - TUTTO mercato WEB-Bonus ai politici, l’audizione del presidente dell’Inps Tridico in commissione Lavoro - Il Fatto Quotidiano-MotoGP 2020. GP dell'Austria. FP1: Pol Espargaro davanti a tutti, Dovizioso è tornato - Moto.it-Ignazio Moser volta pagina dopo Cecilia Rodriguez, notte di passione con Anna Safroncik - Leggo.it-Genova, commemorazione ponte Morandi a due anni dal crollo - Corriere della Sera-Bankitalia: debito record a 2.530 mld, effetto Covid su entrate - Agenzia ANSA-Decreto Agosto, proroga tasse Partite IVA novembre e nuovo calendario - The Italian Times-Dj morta, si cercano testimoni. Appello marito: amo Gioele, aiutatemi a trovarlo - Rai News-Perché Apple e Google hanno rimosso Fortnite dagli Store - Corriere della Sera
Top