Discoteche aperte, università chiuse. Il divertimento batte l’istruzione