Il potere terapeutico della scrittura

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

potere terapeutico della scrittura
Photo by Yannick Pulver on Unsplash

Scrivere fa bene al cuore e alla mente. Abbiamo perso l’abitudine di prendere in mano carta e penna e affidare i nostri pensieri. Eppure gli psicologi consigliano di riprendere a scrivere, perché il potere terapeutico della scrittura apporta molti benefici alla nostra esistenza. Il suo valore è incommensurabile e può aiutarci ad affrontare le sfide che la vita pone sul nostro cammino.
I benefici della scrittura sono utili non solo per la mente, ma anche per la nostra salute fisica, oltre che emotiva.

La scrittura terapeutica in psicologia

In psicologia la scrittura creativa e personale è ampiamente utilizzata come terapia. Nel 1986 un ricercatore ha condotto un esperimento su alcuni studenti universitari, chiamati a scrivere per un quarto d’ora al giorno per quattro giorni consecutivi. Nei loro testi dovevano raccontare esperienze, positive ma anche negative. Un altro gruppo di controllo, invece, era stato invitato a scrivere di altri argomenti poco importanti.
Il ricercatore ha scoperto che chi aveva affidato i propri pensieri a una sorta di diario aveva potuto beneficiare di vantaggi maggiori rispetto a chi, invece, si era occupato di scrivere argomenti più superficiali, non relativi al proprio vissuto.
Da questo studio si è partiti per comprendere il meccanismo secondo cui la scrittura può avere un forte potere terapeutico che non è da sottovalutare.

scrittura terapeutica
Photo by Hannah Olinger on Unsplash

Scrittura, come cura mente e corpo

La scrittura diventa terapeutica quando aiuta a prendersi cura di se stessi, quando ci permette di fare un’introspezione che altrimenti non sarebbe possibile. Con la scrittura si possono esternare emozioni che spesso siamo invogliati a tenere ben nascoste dentro di noi. Esperienze e vissuti che non racconteremmo mai a nessuno, ma che in questo modo ci permettono di liberarci di un peso, di analizzare da fuori ogni situazione, di dare un significato al nostro vissuto, recente o passato. Per vivere così meglio la nostra esistenza. Ci mettiamo di fatto nei nostri panni, come lettori esterni di uno scritto che in realtà ci appartiene, ma che possiamo analizzare. Uno strumento utile e indispensabile, da adottare ogni giorno, a ogni età.

La scrittura aiuta a fare un’analisi seria e concreta. Quelle parole scritte nero su bianco ci aiutano a focalizzarci su quello che è importante. Un viaggio nella nostra anima che si trasforma in una terapia utile a recuperare il senso delle cose, a dare un nome alle nostre emozioni. Per migliorare la salute di mente e corpo, spesso imprigionati in esperienze che non riusciamo a superare perché non siamo in grado di focalizzare bene il nostro pensiero. Ma che con la scrittura diventano più chiare.

Il potere terapeutico per la mente

La scrittura ci aiuta a:

  • allontanare pensieri negativi
  • regolare le emozioni
  • ridurre ansia e stress
  • elaborare eventi traumatici
  • migliorare il tono dell’umore
  • aumentare la nostra autostima

Il potere terapeutico per il corpo

Ma i benefici sono utili anche per la salute del corpo, in particolare per chi soffre di particolari malattie, perché la scrittura aiuterebbe a rilassarsi e a migliorare anche il sistema immunitario.

scrittura personale e creativa
Photo by Brad Neathery on Unsplash

La scrittura personale e creativa come terapia, una buona abitudine

Il Caro diario di una volta, riscoprendo la scrittura in corsivo e magari lo stile della calligrafia curata e dettagliata, può essere un’ottima riscoperta. Il potere della narrazione permette di compiere riflessioni ed esteriorizzare il nostro vissuto per elaborare meglio quello che è accaduto, come abbiamo reagito, quello che ci ha lasciato. Così da poter affrontare sempre meglio ogni situazione.
Possiamo scrivere in modo narrativo oppure in modo personale, proprio come in un diario al quale affidare i nostri pensieri. Per poi rileggere tutto quanto come lettore esterno, per comprendere ogni meccanismo che ci ha portato a reagire in una cerca maniera. Scrivere fa bene. Riprendiamo questa buona abitudine, ogni sera, a fine giornata. Così da poter compiere giorno dopo giorno auto analisi che ci aiutano a tirar fuori quello che spesso rimane intrappolato nella nostra mente e che a lungo andare può provocare danni inimmaginabili.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img

Correlati