Addio a Luis Sepulveda: il grande scrittore cileno era positivo al Coronavirus

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Luis Sepulveda è morto.
Lo scrittore cileno non ce l’ha fatta.
Era malato di Coronavirus e ricoverato da tempo in ospedale. Le sue condizioni sono subito apparse delicate e gravi.
Il mondo della letteratura e della cultura saluta oggi un grandissimo scrittore. Un autore capace di lasciarci un’eredità unica di scritti che hanno fatto la storia. E che rimarranno per sempre nel nostro cuore.

E se è tutto un sogno, che importa. Mi piace e voglio continuare a sognare.
Luis Sepulveda

luis sepulveda

Joson / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)

Luis Sepulveda era malato di Coronavirus.

Luis Sepulveda è morto a 70 anni. Da febbraio era ricoverato in ospedale, dopo essere risultato positivo al Coronavirus: era in gravi condizioni di salute.
Cileno di nascita, l’Europa era la sua seconda amatissima casa. Si trovava in Spagna quando ha contratto l’infezione. Subito le sue condizioni sono apparse delicate, tanto da decidere a fine febbraio il ricovero in ospedale a Oviedo.
Purtroppo, però, non ce l’ha fatta. E oggi il mondo della cultura piange un grande esponente, un narratore che con le parole ci ha fatto viaggiare, sognare, ci ha aperto le menti. I suoi libri sono dei best seller, da cui sono stati tratti anche grandi film d’animazione.
Scrittore appassionato, era anche un grande attivista politico. Sempre pronto a difendere i più deboli e lottare contro le dittature che in Sud America, soprattutto, mettono a rischio la vita della popolazione indigena. Grande ecologista, ha lottato a lungo anche in Europa contro il razzismo dilagante.

Sono uno scrittore perché non so fare altro che raccontare storie. Ma sono anche un essere sociale, un individuo che rispetta sé stesso e intende occupare un piccolo posto nel labirinto della storia. Da questo punto di vista, sono il cronista di tutti coloro che giorno dopo giorno vengono ignorati, privati della storia ufficiale, che è sempre quella dei vincitori.
Luis Sepulveda

Storia di un grande scrittore.

Luis Sepúlveda Calfucura era nato a Ovalle in Cile il 4 ottobre del 1949. Scrittore, giornalista, sceneggiatore, poeta, regista, attivista cileno era naturalizzato francese.
Aveva lasciato il suo paese natale dopo aver lottato politicamente per migliorare le condizioni di vita nel suo paese, sotto il regime di Augusto Pinochet. Nel corso della sua vita ha viaggiato molto, anche come attivista di Greenpeace.

L’Europa era un po’ la sua seconda casa. Dopo aver vissuto ad Amburgo e a Parigi, aveva deciso di trasferirsi in Spagna, nelle Asturie. Dove purtroppo è morto il 16 aprile 2020, nell’ospedale di Oviedo.
Le sue poesie sono la più bella eredità che potesse lasciarci, così come i suoi racconti, i suoi romanzi. Sin dalla prima opera, Il vecchio che leggeva romanzi d’amore, ha dimostrato di avere un grande dono. Riuscire a farci viaggiare con le sue parole, che evocano, pagina dopo pagina, storie impossibili da dimenticare.
Era diventato famoso in tutto il mondo anche per la Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, da cui è stato tratto un noto film d’animazione. Tra le sue opere più belle ricordiamo anche Il mondo alla fine del mondo, Pagatonia Express, Incontro d’amore in un paese in guerra, Ultime notizie dal Sud, Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico, Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, Storia di un cane che insegnò a un bambino l a fedeltà, Storie ribelli. L’ultimo libro è del 2018: Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa.

Luis Sepulveda lascia la moglie, la poetessa Carmen Yáñez, il suo grande amore, e i suoi figli.

Gli amici non muoiono e basta: «ci» muoiono, una forza atroce ci mutila della loro compagnia e poi dobbiamo continuare a vivere con quei vuoti nelle ossa.
Luis Sepulveda

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Covid, in Francia e Germania torna il lockdown ma scuole aperte | Trump: "Loro chiudono, noi no" - TGCOM-L'Inter e Conte tremano: stop più lungo per Romelu Lukaku - Virgilio Sport-Milan-Sparta Praga, le pagelle: Bennacer 7, inviti per tutti. E un Kjaer da 7 fa pure il regista - La Gazzetta dello Sport-PAGELLE di Roma-Cska Sofia, Mayoral non è Real. Fonseca, stavolta il turnover non paga - RomaNews-Real Sociedad-Napoli 0-1: Politano rilancia Gattuso - Corriere dello Sport-Coronavirus: Toti blinda la Liguria. Scatta "coprifuoco" dalle 21 per il weekend di Halloween. "Per evitare assembramenti"/L'ordinanza - IMPERIAPOST-Contagi a scuola, il numero dei casi è in aumento (ma resta sotto l’1%) - Il Fatto Quotidiano-Attentato a Nizza, l'Europa non sa difendersi e perde se stessa - L'HuffPost-Migranti: Oim, naufragio in Senegal, almeno 140 morti - Ultima Ora - Agenzia ANSA-Paola Perego positiva al Coronavirus - DavideMaggio.it
Top