Al festival ti presento io… quando il libro diventa il rito identitario di una casta