Julia Ducournau, la seconda donna regista a vincere a Cannes

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

cannes
Photo by Valentin B. Kremer on Unsplash

L’edizione 2021 del Festival di Cannes verrà ricordata per mascherine da indossare e tamponi negativi da esibire per entrare, per la clamorosa gaffe di Spike Lee, che ha annunciato il vincitore prima del dovuto, e per la vittoria di Titane di Julia Ducournau, seconda donna regista ad aggiudicarsi il premio più importante (la prima fu Jane Campion ex aequo, però, con Chen Kaige).

Titane di Julia Ducournau vince il Festival di Cannes 2021

Ad anticipare la vittoria di Julia Ducournau e del suo film è stato Spike Lee, presidente di giuria. A inizio cerimonia, infatti, si è lasciato sfuggire che la Palma d’oro era andata a lei, seconda donna in assoluto ad aver vinto il premio più prestigioso della kermesse cinematografica francese. Prima di lei c’era riuscita Jane Campion per Lezioni di Piano, condividendo il premio ex aequo con Chen Kaige (Addio mia concubina).
Titane è il film che le vale la Palma d’oro di Cannes: una pellicola che ha diviso la giuria, che lo ha amato o disprezzato, senza mezze misure. In Francia è vietato ai minori di 16 anni e racconta la storia di Alexia/Adrien, killer programmata per uccidere, interpretata da Agathe Rousselle, che cerca rifugio in un’altra identità, con la quale finisce per unirsi per sempre. Un thriller horror che non lascia sicuramente indifferenti.

La regista ha voluto ringraziare la giuria per «aver riconosciuto il bisogno avido e viscerale che abbiamo di un mondo più fluido e inclusivo, per aver chiesto una maggiore diversità nelle nostre esperienze nel cinema e nelle nostre vite e grazie anche alla giuria per aver lasciato entrare i mostri. La perfezione è un vicolo cieco e la mostruosità, che spaventa alcuni e attraversa il mio lavoro, è un’arma e una forza per respingere i muri della normalità che ci rinchiudono e ci separano». E ha parlato anche di superamento di concetti di genere, perché è nell’amore che sappiamo chi siamo, senza determinismo.
Una Palma d’Oro a Cannes storica, sia per la vittoria di una regista donna sia per il tema che ha portato sulla Croisette.

festival di cannes 2021
Photo by Jeremy Yap on Unsplash

Chi è Julia Ducournau

Nata a Parigi il 18 novembre del 1983, la regista e sceneggiatrice francese si è diplomata alla Scuola nazionale francese di Cinema La Fémis nel 2008, specializzandosi nella sceneggiatura. Il suo primo corto Junior è stato presentato al Festival di Cannes nel 2011, mentre il primo lungometraggio, dal titolo Raw – Una cruda verità, 5 anni dopo alla Settimana internazionale della critica di Cannes, vincendo il Premio FIPRESCI.
Titane è il suo secondo lungometraggio, che ha vinto la 74esima edizione del Festival del cinema di Cannes.
Per la tv ha anche diretto Mange con Virgile Bramly e due episodi della seconda stagione di Servant.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -