Il mare a Milano: un’opera d’arte green rivoluzionaria nel centro storico della città meneghina

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 2 minutimare a Milano

Come ha fatto ad arrivare il mare a Milano? Niente paura, non si tratta di un’inondazione o dell’effetto dell’innalzamento dei mari, almeno non ancora. Chi ha visto il mare nel centro storico della città meneghina non ha avuto delle allucinazioni. Si tratta di un’opera d’arte green rivoluzionaria che ha lasciato tutti senza parole. Ecco a voi Neptunia dell’artista Matteo Cibic.

Il mare a Milano, l’installazione di Matteo Cibic

Il mare è arrivato nella città meneghina con una bellissima opera d’arte realizzata dall’artista e designer Matteo Cibic. Si chiama Neptunia ed è visibile in questi giorni in piazza XXV Aprile a Milano. Ovviamente si tratta di un’opera green che parla di sostenibilità e vuole sensibilizzare tutti su un tema di fondamentale importanza che in molti sottovalutano un po’ troppo.
L’opera è rivoluzionaria non solo per il tema di cui parla, ma anche per come è stata realizzata dall’artista che ha voluto portare il mare nel cuore di Milano con un’installazione green.

Neptunia racconta la storia di Anfitrite, la moglie di Nettuno, protettrice dell’ecosistema marino. Secondo la mitologia greca era una dea vestita con un’armatura verde che riprendeva il colore delle alghe marine. Ed ecco che l’opera d’arte ricorda le onde del mare e il tridente di Tritone, figlio di Anfitrite. Oltre ai rimandi mitologici, la scultura ha anche una profonda anima green.

Neptunia

Neptunia, l’opera d’arte milanese in plastica riciclata

L’installazione di Matteo Cibic è realizzata in parte in plastica riciclata. All’interno dispone di uno spazio in cui ci si può sedere o sdraiare per sentire i profumi del mare. Sarà come essere in spiaggia ad ammirare questo spettacolo della natura, per rilassarsi e ritrovare il contatto con la natura.
L’opera, però, dispone anche di un sistema fluido di 90 litri di micro alghe speciali che, grazie a una tecnologia innovativa, aiuta ad assorbire tanta anidride carbonica quanto potrebbero fare 18mila metri cubi di alberi. In questo modo non solo si può ammirare una splendida scultura immaginando di essere al mare, ma si può anche comprendere l’importanza di gesti concreti per salvare il pianeta e preservare la salute del mare, che è messa a dura prova dalle emissioni di CO2 emesse dalle attività umane.

Un’opera d’arte dall’animo futuristico e green

L’artista Matteo Cibic racconta così la sua opera: «Neptunia è un’opera futuristica che, attraverso il processo di fotosintesi delle microalghe, trasforma l’anidride carbonica in ossigeno. La tecnologia che la rende innovativa è frutto di ricerche mirate nell’ambito dei bio-reattori e delle microalghe, e risulta fondamentale perché contribuisce alla riduzione dell’effetto serra. Il mio augurio è che l’installazione, oltre a sensibilizzare i cittadini sull’importanza della salute del mare, possa anche stimolare i più giovani a studiare e, di conseguenza, realizzare nuove tecnologie utili a salvaguardare il Pianeta».

L’installazione dell’opera d’arte è stata resa possibile grazie alla collaborazione con Hendrick’s Gin, zeroCO2 e Worldrise Onlus, insieme a tanti locali di Milano che hanno aderito all’iniziativa, promuovendo questo “attacco d’arte” che ha come scopo principale sensibilizzare sull’importanza di difendere l’ecosistema marino, anche con un progetto dedicato nel Golfo Aranci in Sardegna per ripopolare il fondale con 2500 piante di posidonia oceanica. Mariasole Bianco, esperta di conservazione marina e presidente di Worldrise Onlus, spiega:

«Il progetto di riforestazione del fondale in Sardegna fornisce una soluzione concreta contro la crisi climatica e la perdita di biodiversità. E non è tutto, ciò contribuisce a creare consapevolezza sull’importanza di questo ecosistema per il Mar Mediterraneo, coinvolgendo le nuove generazioni nel processo di cambiamento di cui abbiamo bisogno».

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img

Correlati