Sciopero Globale per il Clima 2021, 24 settembre: 10 motivi per cui è così importante

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

sciopero globale clima 2021
Photo by Gabriele Garanzelli on Unsplash

Sciopero Globale per il Clima 2021, si torna in piazza e a manifestare anche a distanza sui social il 24 settembre.
Una data simbolica, perché a pochi giorni dalla Cop26 di Glasgow, che riunirà i leader mondiali che ancora una volta sono chiamati a prendere decisioni importanti e urgenti per combattere i cambiamenti climatici.
Ci troviamo nel bel mezzo di una crisi sanitaria epocale, che ha provocato come conseguenze anche altre due crisi, economica e sociale. Senza dimenticare che da tempo ormai ci portiamo dietro l’emergenza climatica contro la quale non sono ancora state adottate misure drastiche per riuscire a venir fuori da una situazione che ormai è allarmante.

La data del 24 settembre 2021 assume un significato ancora più fondamentale. Non abbiamo più molto tempo. E queste potrebbero essere le ultime occasioni che abbiamo per invertire la rotta e affrontare con decisione l’ingiustizia climatica che stiamo vivendo.

La data dello Sciopero Globale per il Clima 2021 è cruciale

Venerdì 24 settembre 2021, questa la data che Fridays for Future, movimento internazionale che chiede che sia fatta giustizia ambientale, nato sull’onda degli scioperi del venerdì di Greta Thunberg, ha scelto per il nuovo Global Strike. Gli attivisti chiedono a tutti di scendere in piazza e di far sentire in ogni modo la propria voce. Migliaia di città hanno già aderito all’iniziativa, per chiedere ai propri governi e ai leader mondiali, in particolare dei Paesi del Nord del globo, di agire. E di farlo in fretta. Ovviamente ascoltando la scienza: l’obiettivo è mantenere l’aumento di temperatura entro 1.5 °C. Per evitare la catastrofe annunciata da tempo da scienziati a cui nessuno finora ha dato la giusta considerazione.

crisi climatica
Photo by Katie Rodriguez on Unsplash

Sciopero Globale per il Clima 2021, perché è importante?

Ti diamo almeno 10 buoni motivi per partecipare attivamente, come ti è possibile, al Global Strike del 24 settembre 2021. In piazza, sui social, facendo il passaparola, aiutando piccoli e grandi a comprendere quali sono i problemi che dobbiamo affrontare oggi per creare un domani più equo e vivibile. Insegnanti, genitori, ragazzi, bambini, nonni, professionisti, imprenditori, politici: nessuno deve sentirsi escluso.

  1. In autunno si terrà la Cop26 di Glasgow. Lo sciopero degli attivisti per il clima arriva giusto in tempo per ricordare quanto sia importante agire.
  2. Stiamo vivendo un momento storico senza precedenti: lottare per una giustizia anche climatica è dovere di tutti quanti.
  3. Tutti abbiamo una responsabilità e un’opportunità e potrebbe essere una delle ultime occasioni che abbiamo. In gioco c’è il nostro futuro. E anche il nostro presente.
  4. La pandemia ci ha dimostrato che da soli non si va da nessuna parte. Per questo gli attivisti devono continuare a unirsi per chiedere giustizia climatica.
  5. È nostro dovere civico lottare anche per chi non ha voce. Come ad esempio i Paesi che maggiormente subiscono le conseguenze dei cambiamenti climatici. Il Nord del mondo non può più far finta che non sia anche un suo problema.
  6. Gli eventi climatici estremi e avversi a cui stiamo assistendo anche in Italia ci devono spingere all’azione. Non sono casi isolati, ma tutti conseguenze dei cambiamenti che il clima sta affrontando.
  7. La storia della Terra è costellata da modifiche climatiche anche molto importanti. Ma questa volta la causa principale siamo noi. Per questo dobbiamo fare in modo che qualcosa cambi per evitare il peggio.
  8. Tecnici e scienziati hanno già delineato delle linee guida da seguire. È nostro compito non solo farle nostre introducendole nel nostro stile di vita, ma vigilare affinché anche il mondo del lavoro e il mondo della politica seguano queste indicazioni.
  9. Tantissime le città aderenti allo Sciopero globale per il clima 2021, impossibile non trovare un luogo dove far sentire la propria voce. E se proprio non c’è una piazza vicina a noi, perché non iniziare a spargere la voce e dare vita a un comitato Fridays for future locale, seguendo le indicazioni suggerite a livello nazionale?
  10. Non abbiamo più tempo. Ed è ora che tutti dimostrino da che parte stanno. I giovani attivisti per il clima hanno bisogno del sostegno di tutti noi, non tiriamoci indietro.

fridays for future
Photo by Markus Spiske on Unsplash

Abbiamo bisogno di decisioni forti, di scelte drastiche, di strade precise da intraprendere. E il momento è adesso. Procrastinare non è più possibile. La Terra è malata e spetta a noi curarla prima che sia troppo tardi.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img