Parigi dice addio al traffico in città. Ci sposteremo a bordo di funivie sulla Ville Lumière

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Traffico a Parigi
Photo by Antonio Magrì on Unsplash

Pensi alla funivia e ti viene in mente un mezzo di trasporto di montagna. Mai ti immagineresti che potrebbe essere la soluzione per dire basta all’inquinamento da auto nelle più grandi capitali del mondo.
Per dire per sempre addio al traffico di Parigi, l’Amministrazione ha messo in piedi un progetto per spostarsi “volando” sopra la città. Attraverso un sistema di funivie e cabine.
Non un’idea nuova, visto che sono altre le città che hanno già adottato con successo questo sistema, per una mobilità alternativa che libera di fatto le strade. E occupa i cieli.

La funivia di Parigi sopra il distretto di Val de Mame

Il progetto è già iniziato. L’autorità dei trasporti dell’Île-de-France nell’area metropolitana di Parigi ha deciso di creare un collegamento funiviario con cinque stazioni, per permettere gli spostamenti nel distretto sud-est della capitale francese. Una zona molto trafficata e rete di collegamento tra le banlieu e il centro della Ville Lumière, dove le code sono spesso infinite e l’inquinamento è molto alto.
La filiale francese di Doppelmayr si è già aggiudicata l’appalto. E se tutto andrà bene potremo viaggiare in funivia nei cieli di Parigi, ammirandola dall’alto, già a partire dal 2025.
Un progetto che potrà aiutare 20mila abitanti e migliaia di pendolari a spostarsi in maniera più agevole, con una serie di collegamenti con fermate della metro, dei bus e dei tram.

La funivia urbana sarà lunga 4,5 chilometri, per un totale di 17 minuti di percorso. Secondo la nota resa pubblica in seguito all’assegnazione dell’appalto, l’ente per i trasporti spiega che questo sistema sarà più comodo, ridurrà i tempi di viaggio, garantirà un sistema di scambio tra mezzi pubblici più efficiente e garantirà anche una mobilità più green, riducendo il numero di veicoli in circolazione su strada.

Funivie urbane nel mondo

L’idea di Parigi non è affatto nuova. In giro per il mondo esistono esperimenti di questo tipo per garantire una mobilità più pratica liberamente finalmente le nostre strade e cercando soluzioni per creare città più sostenibili, da riconsegnare alle persone che potranno viverle in piena libertà e sicurezza.

funivia urbana
Photo by Hanna Balan on Unsplash

Funivie cittadine in Europa

In Europa abbiamo già modelli di mobilità urbana di questo tipo. Nel Regno Unito in occasione delle Olimpiadi Estive del 2012 gli inglesi hanno potuto contare su un nuovo mezzo di trasporto, una cabinovia a Londra che collega l’ExCel Exhibition Centre presso il Royal Victoria Dock con l’O2 Arena sulla penisola di Greenwich. La Emirates Air Line è composta da cabine per 10 passeggeri, per un percorso di 1.100 metri sopra il Tamigi. Si stima che ogni ora vengano trasportate 2.500 persone, caricando anche a bordo le biciclette per poi muoversi in città.
In Europa, poi, ci sono funivie cittadine anche a Namur in Belgio, a Skopye in Macedonia, a Vilanova de Gaia in Portogallo, a Tirana e a Monaco di Baviera. E ancora Berlino con la sua metropolitana volante, Madrid con il teleferico che sovrasta la città, Barcellona con la funicolare di Montjuïc, Lisbona con la Funivia del Parco delle Nazioni, Ankara in Turchia. Gli esempi sono molti.

Funivie urbane nel resto del mondo

E non mancano esempi fuori dal vecchio continente. Santo Domingo sta già lavorando al secondo impianto: dal 2018 è attivo un percorso di 5 km, il Teleferico Santo Domingo, collegato con la metropolitana. Serve 23 distretti ed è usata da milioni di persone. Il prossimo anno sarà integrata una nuova linea per coprire la parte nord-est della città.
Anche New York ospita una funivia, la Roosevelt Island Tramway, che collega la Roosevelt Island con l’Upper East Side di Manhattan, viaggiando vicino al ponte di Queensboro. Un tragitto di 5 minuti per ammirare lo skyline di Manhattan.
La funivia urbana di Hong Kong è molto pratica, perché porta i passeggeri in arrivo all’aeroporto direttamente nelle zone di maggiore interesse.
La Paz, capitale della Bolivia a 3600 metri di altezza, da tempo offre a cittadini e turisti la possibilità di muoversi con il Mi Teleferico, sistema di trasporto pubblico su telecabina, lungo 33,8 chilometri con 11 linee diverse e 40 stazioni.
Città del Messico, invece, si muove su teleferiche che coprono un percorso di 24 chilometri nell’area metropolitana della capitale e si aggiungeranno nuovi tratti.

Parigi
Photo by Thibault Penin on Unsplash

Le funivie in città sono utili?

Il trasporto di superficie o sotterraneo ha molti punti di forza, così come molti punti deboli e ostacoli difficili da superare.
Di alternative si parla da sempre, anche nel nostro paese, per una mobilità più sostenibile che passa proprio da cabine che sorvolano i cieli delle grandi città decongestionando il traffico su ruota. Parigi lo ha capito, così come tutte le altre città del mondo che ormai da decenni si sono dotate di un sistema simile. Come diceva Doc in Ritorno al futuro, «Strade? Dove stiamo andando non c’è bisogno di… strade».

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome