Microcredito sociale, a Roma sportello anti-crisi per imprenditori e famiglie

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 2 minutiL’Ente Nazionale per il Microcredito (Enm) ha inaugurato questa mattina un nuovo sportello territoriale in via Goito 35 a Roma, istituito grazie alla collaborazione tra Roma Capitale ed Enm. Erano presenti alla cerimonia la sindaca di Roma Virginia Raggi e il presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito Mario Baccini.

Lo sportello ha sede nei locali messi a disposizione dal Comune, che ha provveduto anche alla dotazione di personale che negli ultimi mesi ha svolto un corso di formazione ad hoc. L’apertura avviene a seguito del protocollo di intesa siglato a novembre tra l’Ente Nazionale per il Microcredito e Roma Capitale, per promuovere e sviluppare programmi di microcredito, educazione finanziaria e cultura d’impresa nell’ottica di sostenere il tessuto economico e sociale della città in seguito all’epidemia sanitaria. Alla base dell’iniziativa, la creazione di un Fondo per il microcredito, stanziato nel bilancio del Campidoglio, pari a 3 milioni di euro.

Mario Baccini, presidente Ente nazionale per il Microcredito

Baccini: nasce il modello Roma

«Con questa iniziativa nasce il modello Roma», ha spiegato il presidente Baccini «perché prende vita ufficialmente il modello di microcredito sociale che può essere utilizzato dalle centinaia di persone oggi colpite dalla crisi e dalla pandemia ma che hanno la dignità e il coraggio di non arrendersi e che non si devono piegare alle asperità del momento. Grazie al fondo di Roma Capitale e alla scommessa con l’ENM della Sindaca di Roma Virginia Raggi, saremo in grado di dare risposte concrete ai romani sia per il microcredito sociale che per quello produttivo: in questo momento così difficile per aprire un’attività o per coloro che hanno difficoltà. I servizi di accompagnamento previsti per legge ed erogati dall’Ente Nazionale per il Microcredito prima, durante e dopo il finanziamento garantiranno il successo di questa operazione considerato che negli ultimi anni abbiamo sostenuto la costituzione di oltre 15mila aziende con un effetto occupazionale di 2,43 unità per azienda per un complessivo di circa 34 mila posti di lavoro creati. Il Modello Roma sarà vincente e spero potrà essere replicato in altri comuni italiani».

Virginia Raggi: proteggiamo chi è colpito dalla crisi

«Il lavoro è la priorità. Con questa iniziativa creiamo uno strumento per il rilancio del lavoro e dell’economia. Sosteniamo e proteggiamo le realtà più piccole o in difficoltà, usiamo tutti i mezzi a disposizione per dare ossigeno ai negozianti, ai piccoli imprenditori, ai commercianti e alle loro famiglie», ha dichiarato la sindaca Raggi. «Ma non solo: contrastiamo in ogni modo il rischio che i soggetti colpiti dalla crisi possano cedere all’usura o finire tra le braccia di organizzazioni criminali. Roma Capitale si mette al fianco di coloro che non possono offrire garanzie alle banche e agli istituti di credito e, grazie all’intervento dell’Enm, offre ai beneficiari anche la possibilità di seguire corsi di formazione finanziaria e di essere accompagnati nello sviluppo della loro attività. Garantiamo così nuova linfa alle attività più vulnerabili e diamo loro modo di ripartire superando i duri effetti del Covid», ha concluso Virginia Raggi.

Il sindaco Virginia Raggi all’inaugurazione dello sportello Enm

Piccoli prestiti per la ripartenza

L’Intesa avrà una durata di tre anni e prevede diverse finalità e tipologie di sostegno. All’imprenditorialità giovanile, grazie a un programma di microcredito dedicato alle imprese in fase di avvio. A beneficio delle attività commerciali che si trovano a dover ripartire dopo le chiusure determinate dalla crisi pandemica. A soggetti che si trovano in condizione di particolare vulnerabilità economica e sociale con l’erogazione di microprestiti.

La dotazione finanziaria iniziale potrà essere incrementata con successivi interventi di partecipazione da parte di altre amministrazioni, cooperative, intermediari finanziari, enti religiosi e del terzo settore, ma anche di singoli soggetti privati. I cittadini possono chiamare lo 06.06.06 per ottenere informazioni sui prodotti di microcredito sociale e imprenditoriale dedicati. Lo sportello di via Goito sarà aperto al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome