L’Italia non è un Paese per start-up: quasi tre mesi per avere i finanziamenti. Agli inglesi basta un’ora