La riforma della scuola e i carabinieri di Piacenza

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

Domanda: c’è un rapporto tra la riforma della scuola e i carabinieri di Piacenza che diventano criminali?
Risposta: sì.
La riforma di Giovanni Gentile, che sta per compiere cent’anni, ha certo limiti e difetti (come tutto) ma sotto un aspetto essenziale coglie il punto: è intesa a insegnare alla futura classe dirigente a pensare criticamente l’ordine dei fini, in parole povere e chiare il perché si fanno o non si fanno le cose. Ecco perché è costruita intorno all’asse della filosofia, ed ecco perché nella scuola di vertice, il liceo classico, si insegnano il latino e il greco, senza i quali è impossibile accedere direttamente ai testi fondativi della civiltà europea. Le odierne proposte di aggiornamento alle “esigenze della modernità”, in soldoni di incentrare l’asse della scuola sull’apprendimento di materie scientifiche e lingue straniere per allinearsi ai “paesi più avanzati” omettono di rilevare il fatterello che la scienza non ha NIENTE da dire in merito all’ordine del fini, al “perché si fanno e non si fanno le cose”, e che il benchmark di apprendimento delle lingue straniere è la lingua materna (nessun italiano imparerà mai l’inglese meglio dell’italiano, anche se lo studia per tutta la vita).

Photo by Sam Balye on Unsplash

E i carabinieri criminali? Cosa c’entrano?

I carabinieri non diventano criminali per difetti operativi, per esempio per un criterio di reclutamento inadeguato o procedure di controllo interno insufficienti. i carabinieri diventano criminali perché, fatta esperienza di ingiustizie, ipocrisie, abusi, corruzione nell’Arma, nello Stato, nel mondo in generale, prima pensano “chi me lo fa fare”, poi pensano “sono tutti corrotti, perché non approfittare delle occasioni?” poi commettono le prime irregolarità, poi constatano la propria impunità, poi diventano criminali veri e propri, e fino a quando non li beccano sentono di essere nel giusto, perché il giusto non esiste.
E attenzione, ragazzi: il giusto non esiste sul serio, se non esiste dentro l’anima, o se si preferisce nella mente, delle persone.

About Author

Roberto Buffagni

Autore, drammaturgo e traduttore, ha scritto molti saggi sul teatro, sul cinema, sulla letteratura. L’ultimo libro che ha scritto è intitolato: “La Supercazzola. Istruzioni per l’Ugo” (con dvd) edito da Mondadori.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Trump in ospedale dal fratello in gravi condizioni - Ultima Ora - Agenzia ANSA-Play out, il Pescara è salvo ai rigori: Perugia retrocesso in Serie C - Corriere dello Sport-Barcellona-Bayern Monaco 2-8: dominio bavarese, Messi umiliato - la Repubblica-Il Bayern Monaco umilia il Barcellona e vola in semifinale: termina 8-2 - Tuttosport-Formula 1, la Ferrari spera: le parole di Leclerc e Vettel - Virgilio Sport-Ricerche Gioele, nuova ipotesi investigativa: Viviana suicida perché il bimbo morto nell'incidente - la Repubblica-Bielorussia, sanzioni Ue contro responsabili di brogli e violenze - Il Fatto Quotidiano-Covid:Puglia,5 giovani condizioni severe - ANSA Nuova Europa-‘Temptation Island 7’, Valeria Liberati annuncia il ritorno di fiamma con Ciavy Maliokapis e ne svela tutti i retroscena - Isa e Chia-La Azzolina si difende, ma le carte la inchiodano - ilGiornale.it
Top