Il ricordo dei tre gol alla Svizzera, l’avversario perduto, la pubblicità borbonica