Geco Expo, la fiera diventa un videogame: tre giorni dedicati alla sostenibilità

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 2 minutiA passeggio tra stand e sale incontri nella prima fiera virtuale della sostenibilità come in un videogioco. Stiamo parlando di “Geco – Green Tourism, Mobility and Energy Expo”, un evento di tre giorni (28-30 gennaio) che è riuscito a trasformare l’ostacolo delle restrizioni anti Covid in un’opportunità per reinterpretare l’esperienza fieristica. E questo in un’esposizione a emissioni zero, nel pieno rispetto delle tematiche proposte. Una fiera virtuale in 3D che offre, in un momento di grande criticità per le imprese, una preziosa occasione di incontro con le aziende protagoniste della rivoluzione sostenibile. Aziende che partecipano in qualità di espositori o buyer. L’iniziativa, organizzata dall’agenzia Smart Eventi in collaborazione con la piattaforma virtuale per eventi Hypersmarter, vede il patrocinio del Comune di Milano e dell’Agenzia nazionale italiana del turismo Enit.

Tre padiglioni e 57 stand. Virtuali

Sono 57 gli stand presenti nei tre padiglioni dedicati a “Tourism”, “Tourism and Smart Talks” ed “Energy, Tech and Mobility”, tutti visitabili attraverso la piattaforma 3D www.gecoexpo.com .Tra i partecipanti non mancano alcune delle voci green più autorevoli del panorama istituzionale italiano, storie d’impresa e best practice innovative a livello internazionale. Ad esempio nel padiglione “Tourism and Smart Talks” sono presenti gli stand dell’Ente Spagnolo del Turismo, di Go Israel e di Visit Finlandia.

L’avatar del visitatore nello stand informativo

Spazio anche ai visitatori, che possono registrarsi gratuitamente ottenendo il loro avatar per poter passeggiare tra gli stand. E partecipare ad interessanti webinar sul mondo del turismo sostenibile, sul ciclo turismo, sulle smart city o sulla mobilità elettrica. Buyer ed espositori hanno anche la possibilità di scambiarsi i biglietti da visita e di partecipare, in stanze virtuali, a riunioni B2B.

Obiettivo: far rivivere le relazioni di business

«L’obiettivo che ci siamo dati era consentire ad aziende ed enti di continuare a promuovere relazioni di business con una modalità di incontro innovativa», spiega Daniele Capogna, executive manager e cofounder Smart Eventi. «La gamification trasforma l’esperienza della fiera in un viaggio appassionante e divertente, cambiando il modo di concepire gli eventi di settore. Vogliamo convertire questa crisi in un’opportunità per riscrivere il futuro in ottica sostenibile, portando l’attenzione sui temi che dovranno definire l’agenda industriale negli anni a venire e sui modi in cui tecnologia e innovazione possono integrarsi nelle nostre esperienze e nel business per aiutarci nella ripresa».

Photo by Marcio Chagas on Unsplash

Il programma si conclude sabato 30 gennaio alle ore 10 con un incontro sul tema “Trend di trasformazione digitale e sostenibile”, cui seguirà alle ore 17 la premiazione dei migliori “Smart talks”. Sul podio i partecipanti al contest che hanno proposto progetti di sostenibilità e biodiversità giudicati migliori dalla giuria presieduta da Olimpia Panno, ceo di Olimpia Panno Consultancy Lab.

 

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img