Festival di Sanremo, con Fiorello si ride anche delle poltrone vuote