Economia circolare, Confindustria premia nove aziende

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 3 minutiNove le aziende che quest’anno hanno vinto la seconda edizione del concorso “Best Performers dell’economia circolare” indetto da Confindustria ed Enel X, in collaborazione con 4.Manager. Obiettivo del concorso: far emergere e valorizzare le imprese che più hanno saputo cogliere lo spirito e le opportunità di business offerte dal modello economico circolare nelle diverse fasi del ciclo produttivo (approvvigionamento, design, produzione, distribuzione, consumo, recupero, riciclo). Una testimonianza che conferma come anche per realtà imprenditoriali operanti in settori produttivi diversi tra loro, l’economia circolare sia una sfida per conseguire un vantaggio competitivo che genera un impatto positivo in termini ambientali, energetici ed economici.

Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi

Un comitato scientifico per scegliere i “migliori”

Infatti i “best performers” sono quelle imprese che, nell’arco degli ultimi tre anni (2018-2020), hanno intrapreso «azioni finalizzate allo sviluppo di un modello di business o all’attivazione/aggiornamento del processo produttivo, in un’ottica di transizione elaborata nella logica circolare», spiega il comunicato stampa di Confindustria. Al termine del percorso di valutazione, coordinato dal Comitato Tecnico Scientifico del progetto di cui fanno parte esperti di provenienza accademica, imprenditoriale ed istituzionale, sono stati individuati e premiati i “Best performer dell’economia circolare”, ognuno per il suo ramo di competenza.

Le aziende premiate e le motivazioni

Maipei (settore edilizia, ricerca, progettazione, chimica): Per la realizzazione di prodotti che promuovono e facilitano lo sviluppo dell’economia circolare coerentemente con una strategia di sviluppo indirizzata alla sostenibilità e che vede l’impegno delle competenze e degli strumenti necessari.

TM Italia srl (legno, arredo): Per il livello di sviluppo dell’approccio al ciclo di vita ed alla pianificazione dei processi produttivi, dalla progettazione al fine vita dei prodotti realizzati e per la capacità di coinvolgimento dei partner interessati.

Gas Rimini spa (energia): Per l’alta efficienza nella progettazione e realizzazione di un processo di trattamento e generazione di biometano. Per l’alto livello di condivisione del progetto con le parti interessate e per la maturazione delle competenze professionali interne sui temi dell’economia circolare.

Sisifo srl (servizi alle imprese e alle persone): Per la capacità di sviluppo di un’iniziativa sostenibile grazie al contributo di diversi attori. Per la capacità di coinvolgimento, comunicazione e sensibilizzazione sul tema.

Calabra Maceri e Servizi spa (energia e servizi per i rifiuti): Per l’alta efficienza nella progettazione e realizzazione di un processo di trattamento e generazione di biometano. Per l’ottimizzazione dei consumi energetici relativi ai processi produttivi. Per il livello di condivisione del progetto con operatori della ricerca e dell’innovazione.

Del Maso Group srl (servizi per i rifiuti): Per la capacità di portare a termine un’articolata iniziativa progettuale, realizzando attività di recupero di materia altrimenti destinata allo smaltimento e trovando anche un mercato di sbocco del prodotto realizzato. Divenendo infine un esempio di riferimento per il settore conciario.

Maire Tecnimont Group (ricerca, progettazione, design): Per la capacità di progettazione, realizzazione e gestione di impianti di recupero della plastica, coerenti con i principi dell’economia circolare e per la capacità di comunicazione dei risultati raggiunti (Premio speciale competenze manageriali).

Daikin (impianti di condizionamento): Per la capacità innovativa di recuperare e reimmettere nei cicli produttivi i liquidi di refrigerazione, riducendo così l’immissione di nuovo gas vergine e produceno un ridotto impatto ambientale del processo produttivo (Premio speciale Circular Energy).

Rete Horeca (servizi alle imprese agroalimentari e ai comparti hotellerie, restaurant e caffè): Per l’innovatività dell’iniziativa di rete che attraversa e coinvolge un intero comparto economico, attraverso servizi di raccolta, riciclo, smaltimento e sanificazione sviluppati nell’ottica dell’economia circolare e della sostenibilità (Premio speciale reti d’impresa).

Photo by Immo Wegmann on Unsplash

Come premio il report di Enel X

Le aziende premiate riceveranno il “Circular Economy Report”, sviluppato da Enel X e certificato da enti indipendenti. Il report ha come obiettivo di analizzare lo stato di maturità circolare del business nell’ambito dei processi produttivi, logistici e amministrativi e individuare i gap e le opportunità. Infatti, l’analisi di circolarità non rappresenta il punto di arrivo, ma uno strumento di lavoro per individuare ulteriori soluzioni, misurabili e concrete che, una volta implementate, permetteranno alle imprese di ottenere un vantaggio competitivo proprio grazie alle numerose opportunità offerte dall’economia circolare.

Sono ancora in corso le candidature per la terza edizione del concorso relativa al 2020/21. Le iscrizioni avranno termine il 31 marzo prossimo e tutti i dettagli sono on line sulla pagina web di Confindustria.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img

Correlati