Violenza domestica: bambini e donne a rischio durante isolamento e quarantena

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

L’isolamento sociale provocato dall’emergenza Coronavirus costringe tutti a casa.
Le famiglie si ritrovano a condividere spazi e giornate, sempre a stretto contatto.
Un’opportunità per molti nuclei famigliari, che possono così recuperare il tempo perduto.
Ma è un rischio e un pericolo per molte donne e bambini. Perché ai tempi del Coronavirus, la violenza domestica e assistita non si ferma. E le vittime si sentono sole e isolate, abbandonate a loro stesse.

Photo by Kat J on Unsplash

La violenza domestica, un pericolo da non sottovalutare.

Ai tempi del Coronavirus non dobbiamo solo preoccuparci dell’emergenza sanitaria. L’isolamento sociale che ci ha costretti tutti in casa porta a galla un altro fenomeno. Che oggi più che mai merita attenzione. Un fenomeno non nuovo, che porta ogni giorno troppe donne e troppi bambini a diventare vittime di uomini violenti. Padri, mariti, compagni, fidanzati, ex colpevoli di trattare con violenza le persone che, invece, dovrebbero proteggere.
La convivenza forzata per settimane nelle case ha messo a dura prova la vita famigliare. E secondo i dati che ci sono arrivati dalla Cina c’è stato un incremento incredibile di denunce per violenza domestica. E anche richieste di divorzio.

Le famiglie e le coppie cinesi hanno vissuto in molti casi situazioni al limite. Lo stress psicologico e fisico a cui siamo costretti non è da sottovalutare. Così come non lo sono gli atti di violenza domestica, oggi difficili da denunciare. Perché vivendo sempre a stretto contatto le possibilità di chiedere aiuto sono ridotte all’osso. E il rischio è di non poter arrivare ad aiutare in tempo donne e bambini che ne hanno bisogno.
I primi dati che emergono dal paese cinese, il primo a diventare zona rossa per l’epidemia Coronavirus, fanno venire i brividi. In Cina si stima che il 25% delle donne subisce violenza domestica. Ma in tribunale le denunce che arrivano ogni anno sono appena 50mila. E se considerate che in Cina vivono 1.500 milioni di persone, i conti sono presto fatti.
Le denunce del mese di febbraio nella contea di Jianli si sono triplicate rispetto allo stesso mese del 2019. L’epidemia ha di fatto aumentato i casi di violenza domestica. E con la polizia impegnata a far rispettare norme e regole, le donne e i bambini sono sempre più soli. Sempre più isolati. A stretto contatto, troppo stretto, con i loro aguzzini.
Dubravka Simonovic, relatore speciale per la violenza contro le donne dell’Onu, spiega:

Per fin troppe donne e bambini la casa può essere un luogo di paura e abuso. Una situazione che si aggrava considerabilmente in casi di isolamento come il lockdown imposto nell’emergenza Covid-19.

Photo by Jordan Whitt on Unsplash

La violenza sulle donne in Italia: #NonTiLasciamoSola.

E in Italia? I dati di femminicidi e denunce di violenza contro donne e bambini fanno capire che la situazione è sempre stata molto delicata. E in piena emergenza Coronavirus lo è ancora di più.
Nel nostro paese 1 donna su 3 ha subito almeno un episodio di violenza nella vita. Nel 2018 sono morte 133 donne di femminicidio. L’82,3% per mano di una persona che conoscevano bene (nel 54,9% dei casi dal partner o precedente, nel 24,8% da un famigliare, nell’1,5% da un amico, un collega. Le denunce sono poche e spesso le misure di protezione per le donne e i loro figli inefficaci.

Per questo motivo sono nate campagne di sensibilizzazione per far arrivare a tutte le donne il sostegno e l’aiuto di cui hanno bisogno. I Centri Antiviolenza del Sud hanno anche ideato la campagna #NonTiLasciamoSola, che ricorda che l’uscita per fare la spesa, per andare a comprare farmaci o per buttare i rifiuti può essere l’occasione giusta per chiedere aiuto. Tramite chiamate, sms, Whatsapp.
Anche la sindaca di Roma Virginia Raggi ha voluto ricordare che le donne non saranno lasciate da sole:

Voglio ricordare una cosa importante a tutte le donne: se state subendo violenza tra le mura domestiche, o se un’amica vi chiede un aiuto, non siete sole. C’e’ chi può darvi aiuto.

Mentre il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ricorda:

Dobbiamo rimanere a casa, ma le istituzioni continuano ad essere al fianco delle donne: dunque non esitate a chiamare i numeri di emergenza. Le forze di polizia sono sempre vicine a voi non abbiate timore.

Photo by Quino Al on Unsplash

Numeri e centri anti violenza sempre attivi. E al servizio di chi ha bisogno.

Le vittime di violenza domestica devono sapere che la rete anti violenza non si è messa in quarantena. Funziona ed è sempre disponibile ad accogliere richieste di aiuto.
Le donne possono sempre contare su un supporto che non verrà mai a mancare. Per ricevere consulenze telefoniche, aiuto, sostegno, protezione. I Centri anti violenza del nostro paese si sono dovuti adeguare alle nuove norme. Ma sono comunque disponibili 24 ore si 24, 7 giorni su 7. Perché se la violenza non va in quarantena, nemmeno l’aiuto di questi centri si ferma. L’emergenza continua anche su questo versante e non bisogna mai abbassare la guardia.

Le forze dell’ordine chiedono alla popolazione di essere sensibili riguardo a questo argomento. E di aiutarli ad aiutare chi ha bisogno, segnalando eventuali casi di violenza e di abusi ai quali si è assistito.
Tutti dobbiamo essere uniti per aiutare le donne vittime di violenza e i loro figli e figlie che assistono impotenti ai soprusi di chi dovrebbe proteggerli.
Save The Children, allora, ci ricorda i numeri utili da tenere sempre a portata di mano.

    • Numero Nazionale Antiviolenza Donna 1522, attivo tutti i giorni, tutto il giorno, accessibile da tutta Italia in modo gratuito, da rete fissa e mobile (disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo)
    • Il sito Dire contro la violenza, per trovare il centro anti violenza più vicino
    • In caso di pericolo immediato, chiamare subito le forze dell’ordine o il pronto intervento (Carabinieri – 112, Polizia di Stato – 113, Emergenza sanitaria – 118). Chiedere sempre aiuto!
    • YouPol è l’app della polizia di stato che permette di chiamare automaticamente i soccorsi.

Fate attenzione anche a quegli uomini che vi vorrebbero come dicono loro, che dopo qualche tempo provano a cambiarvi, a manovrarvi. Attenzione alla violenza che non fa rumore e non lascia lividi, ma fa comunque a pezzi. Attenzione, perché chi vi ama non vi fa sentire inadeguate, come se non foste mai abbastanza. Non cercate di salvare chi non sa amare. Salvate voi stesse, piuttosto.
(Susanna Casciani)

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Calciomercato Inter, Tuchel-Leonardo: scontro per Icardi! - Calciomercato - CalcioMercato.it-Uomini e donne: Enzo Capo nella bufera - SoloDonna-Serie A, Malagò: 'A fatica la barca sta ripartendo, modello tedesco ok ma a una condizione' - Calciomercato.com-Coronavirus, studio shock: “Liverpool-Atletico Madrid ha causato 41 morti” - Tuttosport-Scuola, Conte convoca vertice di maggioranza in serata - la Repubblica-Sandra Milo riprende lo sciopero della fame: “Conte non mi ha richiamata, forse lo farà lunedì” - Tgcom24 - TGCOM-Coronavirus, Boris Johnson difende Dominic Cummings, il superconsigliere che aveva violato il lockdown - Corriere della Sera-Burioni: "Calcio? Mi auguro ovviamente che nel caso ripartisse non ci siano problemi. Sulla mia... - Tutto Juve-Spadafora conferma: "Il 13 o il 20 la Serie A riparte". E rilancia sulle partite in chiaro - La Gazzetta dello Sport-Coronavirus. Movida da nord a sud, tutti fuori ma poche multe: sindaci pronti a nuova stretta - Il Messaggero
Top