Agenda 2030, obiettivo 10: Ridurre l’ineguaglianza all’interno di e fra le nazioni

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Obiettivo 10 Agenda 2030: Ridurre l’ineguaglianza all’interno di e fra le nazioni

Entro il 2030 l’obiettivo è quello di raggiungere e sostenere la crescita del reddito delle popolazioni che appartengono alle fasce sociali più deboli, di promuovere l’inclusione sociale, le pari opportunità, riducendo le disuguaglianze anche di salari e di accesso alla scuola.

Il decimo obiettivo dell’Agenda 2030 riguarda l’uguaglianza tra le nazioni. E dentro le nazioni.

Agenda 2030, obiettivo 10: Ridurre le inuguaglianze tra nazioni.

Tra il 1990 e il 2010 la disparità di reddito è aumentata dell’11% nei paesi in via di sviluppo.
Più del 75% della popolazione dei paesi in via di sviluppo vive in società in cui il reddito non è distribuito in modo omogeneo.
L’ineguaglianza crea danni alla crescita economica e alla lotta contro la povertà, oltre che alle relazioni nella sfera pubblica e politica e all’autostima di ognuno.
Molti paesi sono riusciti a contenere o ridurre le disparità. Ma bisogna affrontare non solo la disparità di reddito, ma anche quella di opportunità che ne deriva.
Tutti i grandi politici concordano sul fatto che l’inrugualianza è elevata ed è una minaccia per lo sviluppo.
I bambini che appartengono al 20% più povero della popolazione hanno una probabilità tre volte maggiore di morire prima di compiere i 5 anni.
Le persone con disabilità hanno fino a 5 volte più probabilità di dover affrontare spese sanitarie elevate.
Le donne che vivono in aree rurali rischiano tre volte di più di morire durante il parto rispetto a chi vive nelle città.

uguaglianza

Photo by Marco Bianchetti on Unsplash

Traguardi da raggiungere entro il 2030.

Ecco quali sono i traguardi che l’Onu si è prefissata di raggiungere entro il 2030.

Entro il 2030 raggiungere e sostenere la crescita del reddito del 40% della popolazione nello strato sociale più basso.
E promuovere l’inclusione sociale, economica e politica di tutti.
Assicurare pari opportunità, ridurre le disuguaglianze eliminando leggi e pratiche discriminatorie.
Adottare politiche fiscali, salariali e di protezione sociale per raggiungere l’uguaglianza.
Migliorare le regole e il controllo di istituzioni e mercati finanziari globali.
Assicurare ai paesi in via di sviluppo una voce nelle istituzioni economiche e finanziarie a livello globale e internazionale.
Rendere più sicura, regolare e responsabile la migrazione e la mobilità delle persone.
Attuare il principio del trattamento speciale e differente riservato ai paesi in via di sviluppo, seguendo gli accordi dell’Organizzazione Mondiale del Commercio
Incoraggiare l’aiuto pubblico per lo sviluppo e i flussi finanziari.
Entro il 2030 ridurre a meno del 3% i costi di transazione delle rimesse dei migranti, eliminando quei servizi con costi superiori al 5%.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Grande Fratello Vip, la scollatura... totale di Adua Del Vesco: di fatto senza veli, una foto pazzesca - Liberoquotidiano.it-Ragazze investite e uccise a Roma, il pm: condannate Genovese a 5 anni - TGCOM-De Luca nomina la nuova giunta regionale - La Repubblica-VIDEO | "Torna al tuo paese" e giù botte. La mamma della ragazza aggredita: "La prossima volta me l’ammazzano" - RomaToday-Coronavirus, rissa furibonda al supermercato di Crema: "Non indossate la mascherina", tornano col cric - Liberoquotidiano.it-I nodi del reddito di cittadinanza - Il Post-Gwyneth Paltrow, 48 anni in “birthday suit”: completamente nuda - DiLei-Coronavirus, Walter Ricciardi: "Campania e Lazio stanno perdendo il controllo, rischio di un nuovo lockdown" - Liberoquotidiano.it-Militare morto: Procura dispone l'autopsia - Agenzia ANSA-Coronavirus oggi 28 settembre. Donini "Contagi ancora sotto quota 100 in Emilia Romagna" - il Resto del Carlino
Top