“Ero studente all’Aquila. Bastava uno sguardo per capire che eravamo parte della stessa comunità”: la storia di Luca Rosati