Italia chiusa, paga ancora la cultura. L’ultimo appello è non dimenticare