Incendi in Australia, la trappola di fuoco di Extinction Rebellion all’Ambasciata Australiana di Roma

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Gli incendi in Australia continuano.
La preoccupazione riguarda ancora le fiamme che devastano habitat naturali e città. Causando vittime tra la popolazione e gli animali.
E a preoccupare sono anche le nuvole di fumo color bianco brillante apparse sopra i cieli del paese. Secondo esperti della Nasa queste nuvole sarebbero state create dalle fiamme che hanno bruciato ogni cosa. E sono un fenomeno in crescita con i cambiamenti climatici.
Il fenomeno del Pyrocumulonimbus, secondo la comunità scientifica, oggi è una realtà confermata da molti esperti di meteo e clima. Possono provocare tuoni, fulmini, tornado. Che possono far nascere nuovi incendi anche a chilometri di distanza.

Mentre l’Australia continua a bruciare, anche se arriva qualche bella notizia dall’altra parte del mondo, a Roma una trappola di fuoco è andata in scena di fronte all’Ambasciata Australiana.Extinction Rebellion, Ambasciata Australiana a Roma

Incendi in Australia, le fiamme continuano a divampare.

10 milioni di ettari di territorio bruciati.
1400 abitazioni perse.
28 le vittime, tra le quali anche i vigili del fuoco.
La stima di morti tra gli animali selvatici è di circa un miliardo.
Questi i dati che arrivano dall’Australia e che riguardano gli incendi che in questa caldissima estate australiana sembrano non dare tregua.

Secondo l’Insurance Council of Australia, gli assicuratori australiani sono già stati raggiunti da 10.550 richieste di risarcimento. I dati vengono aggiornati di continuo.
Perché le fiamme non si placano.
Secondo il Mit di Boston da settembre 2019 gli incendi in Australia hanno immesso nell’atmosfera qualcosa come 400 milioni di tonnellate di CO2. La quantità emessa ogni anno da 116 nazioni, tra quelle meno inquinanti.

Le temperature si fanno sempre più calde. Spegnere i roghi è difficile. Anche per la formazione di nuvole di fumo che, al posto di generare la tanto attesa pioggia che darebbe un po’ di tregua e  una mano ai soccorritori, possono creare più danni che benefici.

Extinction Rebellion, Ambasciata Australiana a Roma

Nuvole di fumo, le preoccupazioni degli esperti.

Gli esperti sono opreoccupati per le nuvole di fumo che si possono creare da fonti di calore intense come gli incendi.
Gli incendi diffondono fumo in tutto il mondo. Fumo che è ben visibile anche dallo spazio. Luca Parmitano, astronauta italiano a capo della Stazione Spaziale Internazionale, in una serie di tweet ha mostrato quello che sta accadendo in Australia, ben visibile dallo spazio.
Nuvole di cenere e polvere coprono l’Australia.
L’Osservatorio della terra della Nasa guarda con apprensione a queste nuvole di fumo che si creano e che possono raggiungere altezze elevatissime, rappresentando un rischio in una zona già martoriata dagli incendi. Rischi che il fuoco si propaghi ancor di più, ma anche che le nuvole e le tempeste che possono scatenarsi rappresentino un problema per piloti e vigili del fuoco impegnati nella lotta alle fiamme.

Cosa sono i Pyrocumulonimbus.

I cumulonimbus flammagenitus, meglio conosciuti come nuvole pyrocumulonimbus o nuvole di fumo, è un tipo di cumulonembo che si forma sopra una fonte di calore. Come un incendio o un’eruzione vulcanica. A volte può estinguere il fuoco da cui è nato, dando via a precipitazioni anche intense. Altre volte, invece, può provocare fulmini, tuoni e tornado che possono appiccare nuovi incendi anche a 20-30 chilometri di distanza.
Queste nuvole di fumo possono causare ancora più danni in situazioni delicate come quelle che stanno vivendo gli australiani.

Fenomeni di questo tipo sono stati registrati in tutto il mondo. A Hiroshima il 6 agosto 1945, tempo dopo la scomparsa della nuvola provocata dalla bomba atomica. Nel 1991 nelle Filippine. L’Australia li ha già visti nel 2003 a Canberra, in seguito a un grave incendio boschivo, e nel 2009 a Victoria. In quell’occasione gli incendi uccisero 173 persone e il fuoco produsse una serie di nuvole di fuoco che hanno generato molti fulmini.
Gli ultimi eventi di tale portata ci riportano in Australia, quando il 30 dicembre 2019 si è parlato di un tornado di fuoco nel Nuovo Galles del Sud e poi anche nello stato di Victoria.

Extinction Rebellion, Ambasciata Australiana a Roma

Extinction Rebellion, trappola di fuoco davanti all’Ambasciata Australiana a Roma.

A Roma un gruppo di attivisti di Extinction Rebellion ha aderito alla protesta internazionale, mettendo in scena una manifestazione di solidarietà di fronte all’Ambasciata Australiana. Per rispondere al Governo australiano accusato di non aver fatto abbastanza e di essere intervenuto troppo tardi.
Gli attivisti hanno ideato una trappola di fuoco proprio di fronte all’edificio di Roma che ospita l’ambasciata australiana. Decine di persone hanno impersonato le vittime umane e gli animali morti negli incendi circondati da torce accese e spinte verso i cancelli.
Esseri umani e animali simbolo della tragedia, come canguri e koala, uniti nel dolore che il paese sta affrontando. In questo modo Extinction Rebellion ha voluto raccontare l’orrore degli incendi che ancora devastano l’Australia e che hanno causato la morte di 28 persone, mentre migliaia di cittadini hanno dovuto lasciare le loro case. Senza dimenticare i troppi animali morti, rimasti orfani e privati del loro habitat.

Extinction Rebellion, Ambasciata Australiana a Roma

Photo by Extinction Rebellion

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Maltempo, grandine e allagamenti in Val Seriana / FOTO e VIDEO - IL GIORNO-Lvmh: Tiffany crolla a Wall Street, in forse l'acquisizione da 16 miliardi - la Repubblica-Fase 2 , Boccia: 'Da domani liberi di circolare, senza condizioni' - Agenzia ANSA-Riapertura fra le Regioni, il Lazio: «Misurare la febbre a chi arriva». Nuove regole anche in Puglia - Corriere della Sera-Magliana, incendio al deposito Atac di via Candoni: in fiamme sette bus - RomaToday-Figc, Gravina: "Capisco i tifosi ma non si può aspettare vaccino, non volevamo prenderci degli scemi" - Sportmediaset - Sport Mediaset-App Immuni scaricata da 500mila utenti in 24 ore. Ministra Pisano: “I cittadini ne hanno capito… - Il Fatto Quotidiano-Napolimania: il dramma Gattuso e l'unità del calcio attorno a un simbolo straordinario - Calciomercato.com-Francia, Adama Traorè morto per asfissia - Agenzia ANSA-Come sfruttare il boom dei prezzi della Borsa per guadagnare nella nuova fase rialzista - Proiezioni di Borsa
Top