Zone rosse per le Regioni a rischio, coprifuoco light e superiori in DAD nel (primo) DPCM di novembre 2020

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Aggiornamento, le misure entreranno in vigore da venerdì 6 novembre 2020.

Finalmente la firma è arrivata. Giuseppe Conte ha approvato il (primo) decreto di novembre 2020. Dopo i battibecchi con le Regioni e le divergenze d’opinione, abbiamo il nuovo DPCM, che regolerà a partire dal 5 novembre e fino al 3 dicembre le nostre vite.

Cosa prevede il nuovo testo?

Regioni chiuse in base al rischio di contagio

Il nuovo DPCM di novembre 2020 divide l’Italia in tre fasce di rischio contagio (gialle-più sicure, arancione-a rischio intermedio, rosso-ad alto rischio). A ogni colore corrispondono regole e divieti differenti per contrastare la diffusione del virus. Nelle prossime ore sapremo, in base all’indice RT e ad altri 21 criteri elencati nel testo, a quale categoria sarà assegnata ogni regione italiana.
Secondo le indiscrezioni delle ultime ore, la zona rossa sarebbe rappresentata da Lombardia, Piemonte, Calabria, Alto Adige e Valle d’Aosta, con la Campania incerta. Colore arancione per Puglia, Sicilia, Liguria e Veneto. Tutte le altre Regioni, invece, gialle.

Le Regioni hanno chiesto al premier di essere coinvolte nella scelta del colore da assegnare e aggiornare di volta in volta (probabilmente settimanalmente). E Giuseppe Conte ha garantito un’apertura in questo senso.

Zone gialle, le regole previste

Qui le regole e le restrizioni saranno meno rigide, ma comunque più severe rispetto a quelle presenti nel DPCM del 24 ottobre scorso.
Coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino: sarà vietato uscire di casa tranne che per motivi di lavoro o di salute. Torna l’autocertificazione.
Didattica a distanza al 100% per le scuole superiori e le università, in presenza solo i laboratori.
Trasporto pubblico con capienza dimezzata per bus, metro e treni regionali. Si consiglia di evitare di prenderli quando possibile.
Centri commerciali chiusi nel weekend e nei giorni festivi. Parchi pubblici aperti, mantenendo comunque la distanza ed evitando assembramenti.
Chiusi musei, stop alle mostre e anche alle sale bingo. Non si potranno fare crociere e sono sospesi tutti i concorsi pubblici a eccezione di quelli destinati al personale della Sanità.

Zone arancioni, cosa cambia

Le Regioni con bollino arancione avranno regole più restrittive rispetto a quelle a cui sarà assegnato il colore giallo.
Bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie chiusi sempre. Parrucchieri e centri estetici, invece, rimangono aperti, a differenza di quello che era emerso alla vigilia.
Si parla anche di divieto di spostamento verso un Comune che non è quello di residenza o domicilio, a patto di non avere validi motivi di lavoro, salute e studio.
Per il resto valgono tutte le regole previste per le zone gialle, con coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino, chiusura di musei e mostre, lezioni a distanza per i ragazzi delle scuole superiori.

Zone rosse in Italia: cosa succede in queste Regioni

In questo caso è previsto un lockdown che ricorda quello della primavera. Chi vive in una Regione con bollino rosso non può assolutamente entrare e uscire dai confini regionali e anche dai confini del proprio Comune, se non per motivi di lavoro, di necessità o di salute.
Sospese tutte le attività sportive, anche quelle svolte all’aperto. Si potrà fare sport vicino a casa, meglio se da soli o a un metro di distanza dagli altri.
Didattica a distanza già dalla seconda media, a eccezione per le attività con alunni con disabilità.
Chiusi bar, pasticcerie, ristoranti e negozi che non vendono beni essenziali. Aperti, invece, supermercati, negozi di alimentari, farmacie, come a marzo. Garantita la ristorazione con consegna a domicilio e fino alle 22 ristorazione con asporto, con divieto di consumare i pasti sul posto o nelle vicinanze.
Rimangono aperti i negozi di alimenti e bevande nelle aree di servizio e di rifornimento sulle autostrade, negli ospedali e negli aeroporti. E rimangono aperte le industrie.

Il testo completo del Dpcm del 3 novembre 2020 firmato da Giuseppe Conte.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Sky Sport - Cristiano Ronaldo non giocherà a Benevento: turnover concordato con Pirlo, Bonucci ok - Tutto Juve-F1, GP Bahrain 2020: diretta delle prove libere a Sakhir. FP1 a Hamilton, Ferrari lontane - Sky Sport-Toscana torna zona arancione da venerdì 4: covid, parla Giani, "Più liberi fino a Natale" - LA NAZIONE-Addio a Daria Nicolodi, attrice ironica e raffinata, musa di grandi artisti - DiLei-Zaia: “Non ha senso rientrare il 9 dicembre. Il contagio a scuola esiste, ci sono i dati” - Orizzonte Scuola-GF Vip: la Gregoraci nella morsa delle accuse, Briatore a Dubai - Virgilio Sport-Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo sul Covid-19 - Corriere della Sera-Coronavirus, l’annuncio di Conte: “Ore impegnative, valutata curva epidemiologica - Il Fatto Quotidiano-L'Aria che Tira, Matteo Bassetti contro Ilaria Capua: "È una veterinaria, prima di parlare bisogna avere competenze" - Liberoquotidiano.it-Calabria, Miozzo non sarà commissario alla Salute: salta la nomina - Corriere della Sera
Top