DPCM ottobre 2020, parte seconda: cosa cambia in Italia e le regole nel resto del mondo

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

A distanza di meno di una settimana dal precedente DPCM di ottobre 2020, Giuseppe Conte è riapparso a “reti unificate” nella serata di domenica 18 ottobre per illustrare le nuove direttive volte a prevenire i contagi.
Cosa cambia in sostanza per l’Italia? E quali sono le differenze con le iniziative prese nel resto del mondo?

DPCM del 18 ottobre 2020, cambia poco in Italia

Rispetto all’ultimo DPCM svelato dal governo Conte poco meno di una settimana fa, cambia poco. Ma ci sono alcuni sostanziali aggiustamenti volti a limitare i contagi. La priorità va alla scuola e a fare in modo che non si debba ricorrere a breve a un nuovo lockdown generalizzato. L’economia in Italia potrebbe non reggere in questo caso.

La scuola prima di tutto

Giuseppe Conte ha sottolineato che le scuole continueranno in presenza e saranno la priorità del governo. I ragazzi delle superiori potranno continuare con la didattica a distanza alternata a quella in presenza. E magari con orari di entrata e di uscita scaglionati per evitare assembramenti sui mezzi di trasporto pubblico. Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado possono adottare forme flessibili per la didattica. Le norme entreranno in vigore da mercoledì 21 ottobre.
Per le università, si prevede un’organizzazione analoga tra lezioni in presenza e a distanza, da valutarsi in base all’evoluzione del quadro pandemico locale. Sospese temporaneamente le prove pratiche di guida nelle scuola guida.

Palestre e attività sportiva

Il nuovo DPCM non chiude all’attività sportiva. All’aperto si potrà fare rispettando la distanza di sicurezza. Mentre sono vietati gli sport di contatto a livello amatoriale e le gare dilettantistiche in ambito provinciale. Per chi pratica attività sportive di questo tipo, si potranno continuare gli allenamenti a livello individuale o in squadra evitando il contatto. A livello regionale e nazionale via libera a partite e gare sportive per i professionisti e i dilettanti.
Palestre e piscine possono rimanere aperte. Ma le strutture hanno una settimana di tempo per poter garantire che i protocolli di sicurezza siano rispettati. Perché, come ha ricordato Conte, ci sono ancora luoghi dove non sono garantite le misure per la sicurezza di chi le frequenta.

Ristorazione

Bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie potranno rimanere aperti dalle 5 alle 24 con consumo esclusivo al tavolo e un massimo di sei persone per tavolo. Chiusura anticipata alle 18 se non è previsto il consumo al tavolo. La ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme già in vigore sarà sempre consentita, fino alle ore 24. I ristoratori dovranno esporre all’ingresso del locale un cartello riportante il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente secondo i protocolli previsti. Rimarranno sempre aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande che si trovano in aree di servizio e rifornimento carburante nelle autostrade.

Spettacolo, sale giochi e scommesse, sagre, fiere, congressi e riunioni

Cinema e teatri restano aperti con un numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e 200 per spettacoli al chiuso per singola sala. Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo continuano con orario dalle 8 alle 21.
Vietate, invece, sagre e fiere di comunità, restano consentite le manifestazioni di carattere nazionale e internazionale. Sospese anche le attività convegnistiche o congressuali, ad eccezione di quelle che si svolgono con modalità a distanza.

Ai sindaci spetta l’ultima parola

Per quello che riguarda movida e assembramenti, il governo dà ai sindaci la responsabilità di tenere controllata la situazione. I primi cittadini potranno disporre la chiusura al pubblico dopo le 21 di vie e piazze dove si possono creare situazioni non controllabili (consentiti accesso e deflusso ad abitazioni private e agli esercizi commerciali aperti). Per l’ANCI si tratta di uno scaricabarile. Antonio Decaro, sindaco di Bari e presidente Anci, ha poi posto un altro problema: «Se chiudiamo una piazza e l’assembramento si sposta in quella accanto, dobbiamo chiudere tutte le piazze in cui i ragazzi si sposteranno?».

coronavirus italia

Photo by SJ Objio on Unsplash

Misure analoghe nel resto d’Europa

Le misure del governo Conte sono in linea con quelle prese dai colleghi europei. La seconda ondata in Europa preoccupa un po’ tutti i paesi.
Coprifuoco prorogabile fino al primo dicembre in Francia dalle 21 alle 6 del mattino, con divieto di uscire di casa (135 euro di multa per chi violerà la norma).
In Germania Angela Merkel chiede ai suoi connazionali di rimanere a casa. Le mascherine sono obbligatorie ovunque le persone siano a stretto contatto.
A Londra è alta l’allerta: divieto di riunioni in casa con amici. Mentre a Liverpool vietato servire pasti al chiuso.
In Irlanda del Nord chiusi per 4 settimane pub e ristoranti, ammesse le consegne a domicilio. Rinvio di due settimane della riapertura delle scuole dopo la pausa di ottobre.
In Spagna occhi puntati sulla Catalogna, dove i locali di ristorazione sono chiusi per 15 giorni dal 15 ottobre. Il resto del paese è in stato di allarme con 9 città chiuse in ingresso e in uscita. I locali chiudono alle 23.

E nel mondo come si previene la diffusione del Coronavirus?

Nel resto del mondo c’è chi segue il modello Europa, chi affronta ondate pesanti e chi, invece, comincia timidamente a riaprire.
Israele, che ha da poco affrontato il secondo lockdown, dopo un mese di restrizioni ha riaperto scuole, parchi, spiagge e attività commerciali. Divieto di allontanarsi per più di un chilometro dalla propria abitazione e raduni limitati.
In Iran si è arrivati alla terza ondata di Coronavirus. Con restrizioni pesanti e si pensa già a un lockdown totale per almeno due settimane.
L‘Argentina deve fare i conti con i manifestanti che sono stanchi delle restrizioni imposte per la pandemia. Nel resto dell’America Latina, nonostante i numeri alti, si comincia a riaprire per dare vigore all’economia. In Brasile ogni stato segue il proprio protocollo. Mentre in Colombia le scuole tornano a proporre lezioni in presenza. Anche in Ecuador è iniziata una nuova fase in cui tutte le riaperture sono decise a livello locale dai comuni.
In Perù, invece, rimane in vigore il coprifuoco dalle 22 alle 4 con le attività educative sospese in presenza fino al 2021.

Negli Stati Uniti, Donald Trump parla di progressi inimmaginabili della lotta contro l’infezione da Covid-19, additando l’Europa come esagerata, perché i lockdown farebbero poco contro la pandemia e sono disastrosi a livello economico. Il Tycoon, in piena campagna elettorale per le presidenziali USA 2020, continua a non tenere in considerazione gli alti numeri registrati nel suo paese.

 

Altro dall’autore:

About Author

Patrizia Chimera

Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Sky Sport - Cristiano Ronaldo non giocherà a Benevento: turnover concordato con Pirlo, Bonucci ok - Tutto Juve-F1, GP Bahrain 2020: diretta delle prove libere a Sakhir. FP1 a Hamilton, Ferrari lontane - Sky Sport-Toscana torna zona arancione da venerdì 4: covid, parla Giani, "Più liberi fino a Natale" - LA NAZIONE-Addio a Daria Nicolodi, attrice ironica e raffinata, musa di grandi artisti - DiLei-Zaia: “Non ha senso rientrare il 9 dicembre. Il contagio a scuola esiste, ci sono i dati” - Orizzonte Scuola-GF Vip: la Gregoraci nella morsa delle accuse, Briatore a Dubai - Virgilio Sport-Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo sul Covid-19 - Corriere della Sera-Coronavirus, l’annuncio di Conte: “Ore impegnative, valutata curva epidemiologica - Il Fatto Quotidiano-L'Aria che Tira, Matteo Bassetti contro Ilaria Capua: "È una veterinaria, prima di parlare bisogna avere competenze" - Liberoquotidiano.it-Calabria, Miozzo non sarà commissario alla Salute: salta la nomina - Corriere della Sera
Top