Non si ferma lo sciopero globale per il clima del 24 aprile. Che assume un nuovo importante significato

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

24 aprile, sciopero globale per il clima. Il quinto.
La protesta di Fridays for future non si ferma. Il Coronavirus non frena l’impegno degli attivisti che da più di un anno chiedono giustizia per il pianeta.
Una formula nuova, per far sentire la propria voce attraverso quei social network che sono diventati punto di riferimento anche per la protesta contro i cambiamenti climatici.

In questo momento di isolamento sociale, l’umanità si è fermata. E il pianeta è tornato a respirare. Così lo sciopero globale per il clima assume un nuovo importante significato. Cambiare è necessario. Per la nostra salute e la salute della Terra.

Sciopero globale per il clima

Photo by Sharon McCutcheon on Unsplash

Fridays for Future Italia: due crisi, una soluzione.

Il mondo sta attraversando due grosse crisi. Che per fortuna hanno un’unica soluzione. Il cambiamento radicale che l’umanità unita deve affrontare.
Prima erano i cambiamenti climatici ad allarmarci e preoccuparci. Ora all’emergenza climatica se ne aggiunge anche una sanitaria. Il Covid-19 ha stravolto le nostre vite. Ci sembra di vivere in un incubo, rinchiusi in casa per evitare che il contagio si diffonda, portandosi via vite umane.
Viviamo in un momento di incertezza. Non sappiamo quando potremo tornare a una parvenza di normalità. Se mai potremo farlo. Alla crisi climatica e sanitaria, infatti, se ne potrebbe aggiungere in futuro una terza. Quella economica: potremmo vivere il peggior momento storico dopo il secondo dopoguerra.

Diversi studi suggeriscono che potrebbe esserci una connessione tra l’emergenza climatica e quella innescata dall’epidemia di Coronavirus. L’essere umano distrugge gli habitat degli animali selvatici, che cercano di sopravvivere avvicinandosi all’uomo. E portando con se malattie pericolose. In futuro potremmo trovarci di nuovo di fronte a problemi di questo tipo.
Crisi sanitarie, economiche, umanitarie causate dal cambiamento climatico e dalle sue conseguenze potrebbero non sparire con un colpo di bacchetta magica.
Le estati saranno sempre più calde, così come gli inverni. La siccità non ci darà tregua. Vivremo eventi atmosferici sempre più forti. Con danni per l’economia e anche per la nostra salute.

Esiste una soluzione per le crisi che stiamo affrontando?

Fridays for future Italia non ha dubbi. La soluzione è già a portata di mano. L’imperativo è cambire. Per salvare il pianeta e anche l’umanità. Diventando resilienti e reattivi verso altre possibili emergenze che potrebbero manifestarsi in futuro.
Finalmente abbiamo capito che dobbiamo ascoltare la scienza. Per modificare il nostro impatto sul sistema pianeta.

La sfida è ambiziosa, lo sappiamo, ma la posta in gioco è troppo alta per tirarsi indietro. Dobbiamo dare il via a un colossale, storico, piano di investimenti pubblici sostenibili che porterà benessere e lavoro per tutte e tutti e che ci restituirà finalmente un Futuro a cui ritornare, dopo il viaggio nell’oscurità di questa pandemia.
Un futuro nel quale produrremo tutta la nostra energia da fonti rinnovabili e non avremo più bisogno di comprare petrolio, carbone e metano dall’estero. Nel quale smettendo di bruciare combustibili fossili, riconvertendo le aziende inquinanti e bonificando i nostri territori devastati potremo salvare le oltre 80.000 persone uccise ogni anno dall’inquinamento atmosferico.

Un futuro in cui le città saranno verdi, il traffico un lontano ricordo, il trasporto pubblico efficiente e accessibile a chiunque, le case e gli edifici pubblici saranno meno impattanti a livello di emissioni. E un futuro in cui torneremo ad ammirare la bellezza del creato, a respirare aria pulita, a bere acqua sana, a mangiare cibo salutare, a rivivere la natura proteggendola e non sacrificandola per un bene superiore, il profitto, che non è più sostenibile.

Sciopero globale per il clima

Photo by Callum Shaw on Unsplash

Teachers for Future Italia: Non torneremo alla normalità perché la normalità era il problema.

Anche Teachers For Future Italia si unisce all’appello in occasione del Digital Global Climate Strike del 24 aprile.
Tornare alla normalità che vivevamo prima è impensabile. Perché proprio quella normalità era il problema. Insegnanti ed educatori italiani sanno che non è ancora stato risolto il problema ecologico. E sono convinti che oggi l’emergenza Coronavirus ci spinge ancora di più a ripensare le nostre vite.
La pandemia ha cambiato la società. Lo studioso Simon Mair spiega che esistono diversi scenari per il futuro dell’umanità. La risposta dipende da come i governi decideranno di affrontare il Coronavirus e le sue conseguenze econmiche.
Una società a misura d’uomo è l’unica via d’uscita per non vedere la nostra situazione peggiorare. L’economia deve cambiare. Il futuro deve essere “socialmente giusto ed ecologicamente valido e, di fronte al Covid-19, questo non è mai stato più ovvio“.

Il gruppo auspica per il futuro uno stato democratico che costruisca un sistema sanitario più sicuro, che combatta evasione fiscale, privilegi di casta, che imponga l’azzeramento della CO2 alle grandi industrie con incenviti per chi abbraccia un approccio green. Ma anche che i gruppi di mutuo soccorso e la solidarietà continunino a guidare l’umanità. Arrivando a creare una società più umana, che si basa su una resilienza proattiva verso ogni crisi che si potrebbe profilare nel nostro futuro.

Il cambiamento sociale potrà provenire da molti luoghi, compresa la scuola, e un compito chiave, per tutti noi docenti ed educatori, sarà esigere che le forme sociali emergenti provengano da un’etica che valorizzi la cura, la vita e la democrazia e la necessità organizzarsi attorno a quei valori.

Sciopero globale per il clima

Photo by Markus Spiske on Unsplash

Come partecipare al quinto sciopero globale per il clima, 24 aprile.

Il grande sciopero globale per il clima sarà ovviamente digitale. Nessuna manifestazione di piazza. Ma non per questo la protesta sarà meno importante e incisiva.
Sarà il più grande Digital Strike della storia. Da casa tutti dovremo far sentire la nostra voce.
Lo sciopero virtuale avrà luogo dalle 11 alle 13, seguendo le attività di FFF Italia della campagna #RitornoAlFuturo.

Dalle ore 10, prima dell’inizio del programma di FFF Italia, i docenti propongono un’ora di disconnessione dalla DAD. Invitando tutti a spegnere ogni device per un’ora, per ricordare che al momento è l’unico modo per continuare, ma in realtà non la soluzione ideale per motivi ecologici e sanitari. Saranno anche proposte attività alternative non digitali.
Dal canto loro i docenti e gli educatori dal 24 aprile al primo maggio si impegnano a fare didattica a distanza sui temi del cambiamento climatico. Impegnandosi a pensare una scuola migliore. Oggi le scuole sono chiuse, ma quando riapranno anche loro dovranno essere attraversate da un’ondata di cambiamento di cui tutti abbiamo bisogno.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Coprifuoco e serrate: decidono le Regioni. La svolta del governo - Il Messaggero-Temptation Island, Nunzia e Speranza fanno squadra e smascherano i tradimenti di Alberto - Leggo.it-LA CONFERMA DI BEPPE E IL ROCCO CONTRO TUTTI. MA LA FIORENTINA BALBETTA CALCIO E RISCHIA DI NUOVO... - Firenze Viola-Stragi '92: ergastolo al boss mafioso Matteo Messina Denaro - Agenzia ANSA-Dinamo Kiev-Juve, le pagelle: Morata superbo (8), Dybala non è pronto (5,5) - La Gazzetta dello Sport-Juve, è tornato mister Champions: Morata è il perfetto vice-Ronaldo. E quando torna? - Calciomercato.com-Covid, Speranza: "Il lockdown generale non è certo, evitate gli spostamenti inutili" - TGCOM-Peter Madsen, l’inventore danese condannato per l’omicidio della giornalista Kim Wall, è riuscito a scappare di prigione ma è stato catturato - Il Post-Livorno, sassaiola contro forze di polizia durante controlli anti Covid - Corriere della Sera-Striscia la Notizia, "come è arrivata in tv Elisabetta Gregoraci": una bomba atomica sull'ex di Briatore - Liberoquotidiano.it
Top