Natale ecosostenibile: dai regali all’albero, quanto siamo disposti a cambiare? O è solo una moda passeggera?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Moda del momento, solo passeggera e destinata a diventare una bolla di sapone pronta a scoppiare quando meno te lo aspetti. Oppure volontà seria di cambiamento?
Dipende da quanto noi siamo disposti a cambiare.
A Natale e non solo. Perché a parole siamo tutti bravi a invocare un Natale ecosostenibile e green. Peccato poi perdersi nelle azioni quotidiane che di sostenibile ed ecologico hanno ben poco.
Anche quando pensiamo di fare le cose per bene.

Natale ecosostenibile

Photo by Naveen Raj Dhanapal on Unsplash

Consigli per un Natale sostenibile.

I consigli per un Natale sostenibile devono seguire una filosofia da abbracciare nella vita in generale. Inutile far vedere quanto si è bravi per un lasso di tempo breve. Per ritornare poi il giorno dopo a sporcare il pianeta con disinteresse e anche un po’ di malafede.
Finiremmo per comportarci come i bambini che magicamente diventano buoni a dicembre, sperando che Babbo Natale non li veda per il resto dell’anno.
Ma qui c’è di mezzo la salute del pianeta. E di chi la Terra la vive. Quindi di ognuno di noi.

Secondo una ricerca realizzata da mUp Research e Norstat a Natale 2019 l’82% degli italiani ha promesso di adottare soluzioni ecosostenibili. Dai regali all’albero di Natale. Dal menù di pranzi e cene agli addobbi.
Se fai parte di questa bella fetta di popolazione che ha deciso di regalarsi un cambiamento proprio a Natale, ecco dei consigli da seguire. Anche quando l’ultima lucina natalizia sarà spenta. Se non vogliamo che a spegnersi sia il pianeta.

Regali di Natale sostenibili.

Basta consumismo a Natale. Basta a pacchi e scatoloni che girano tutto il mondo per arrivare a casa nostra. E basta a idee regalo preconfezionato comprate da chissà e chissà dove. Che non rappresentano chi fa il regalo e nemmeno chi lo riceve.
Sì ai regali fatti a mano. Frutto del nostro tempo, del nostro lavoro, della nostra pazienza.
E sì anche ai regali comprati a chilometro zero. Nei negozi vicino casa, nelle botteghe degli artigiani, nelle bancarelle dei mercatini. Non tutti abbiamo tempo, voglia e capacità di metterci al lavoro. Ma c’è chi lo fa per lavoro. E ha bisogno del nostro sostegno.
Non è vero che comprando un regalo che arriva dall’altra parte del mondo si risparmia. Perché il costo non è solo quello del cartellino esposto.

E sì anche ai regali solidali. Quelli che fanno due volte bene. Non dobbiamo per forza cercare progetti distanti da noi. Se vogliamo ne possiamo trovare numerosi anche vicino a casa nostra. Sostenendo chi ogni giorno lavora per gli altri. Magari saremo contagiati dal loro entusiasmo, ricevendo in cambio un dono senza pari. La voglia di aiutare chi ne ha bisogno. Chiunque esso sia.

Vi ricordate dei cari vecchi regali utili di nonne e zie? Ritorniamo a quei tempi.

Regali di Natale

Photo by Plush Design Studio on Unsplash

Albero di Natale green e sostenibile.

Albero di Natale vero o albero di Natale di plastica?
Nel primo caso è un tuffo al cuore sapere che un albero è stato tolto dalla sua terra di origine per decorare le nostre case. Nel secondo caso è un abuso inutile di plastica.
Ci sono delle vie di mezzo da percorrere. Alberi veri da piantare poi nei giardini di casa. O da riportare ai vivai o nelle grandi catene di distribuzione che non solo penseranno a sistemarli in zone adatte. Ma magari contribuiranno anche a piantare alberi in giro per il mondo. Come il progetto Ikea, ad esempio. Che da qualche Natale permette a tutti di vivere la magia delle feste senza sensi di colpa.
Oppure usiamo alternative creative. L’albero di Natale creato con rami caduti e appeso al muro. Quello realizzato con libri impilati. O con altri oggetti che ci rappresentano e che magari abbiamo già in casa.

E le decorazioni? Non compriamo ogni anno nuovi addobbi e palline. Magari in plastica. Utilizziamo materiale riciclato per creare decorazioni fatte in casa. Coinvolgiamo tutta la famiglia, ritorniamo ai tempi in cui si usavano anche biscotti e frutta (in perfetto stile anglosassone) per abbellire l’albero.
Non dobbiamo sempre comprare per forza qualcosa di nuovo. Usiamo la testa. Coinvolgiamo tutti in atti creativi che stimolano l’immaginazione e ci permettono di vivere appieno del vero spirito natalizio. Quello del tempo passato insieme e della condivisione.

Infine, scegliere solo lampadine a basso consumo. Certo, le candele sull’albero hanno il loro fascino. Ma possono essere pericolose. Ed evitiamo di lasciarle accese se non siamo in casa. A chi servono? A nessuno, solo a sprecare più corrente. E soldi.

Natale green

Photo by Marissa Daeger on Unsplash

Abitudini da abbandonare. E non solo a Natale.

Sono tante le cattive abitudini radicate in noi. Dure da estirpare. Soprattutto quando si tratta di tradizioni che stentiamo a lasciar andare via.
Eppure dobbiamo ripensare anche quei riti che ogni anno a fine dicembre mettiamo in piedi per festeggiare le feste di fine anno.
Per fare in modo che sia davvero una festa per tutti. Anche per il pianeta.

  • Stoviglie usa e getta: inquinano, sono brutte e non fanno atmosfera. Meglio optare per le stoviglie in ceramica. Magari quelle del servizio buono delle nonne. E dimentichiamoci della plastica usa e getta. Tutto l’anno.
  • Sprechi alimentari: a Natale molto cibo viene buttato via. Scegliamo un menu consapevole, facciamo bene la spesa e gli avanzi o li mangiamo o li surgeliamo. E perché non condividere i pasti con persone in difficoltà?
  • Cibo a km zero. Basta frutta esotica sulla tavola. Questa volta torniamo davvero alle tradizioni. Con ricette e ingredienti a km 0.
  • Impacchettare i regali: usiamo materiali di riciclo. Riutilizziamo la carta dell’anno scorso. O i fogli di giornale. E lo stesso facciamo con fiocchi e altre decorazioni. In giro per casa abbiamo tutti materiale utile per creare pacchi personalizzati e indimenticabili. Senza per forza usare sacchettini di plastica, nastri, fiocchi che poi vengono buttati via. Sfruttiamo il più bel dono che è stato fatto all’essere umano: la creatività!
  • Fuochi d’artificio: sono belli, affascinanti, fanno festa. Ma inquinano. Si stima che gli spettacoli pirotecnici immettano nell’aria sostanze nocive. E sono un pericolo per gli animali.

Abbandonare le vecchie tradizioni che non sono green.
E adottare nuove tradizioni natalizie. Da tramandare alle generazioni future.
Ecco il più bel regalo che ci possiamo fare quest’anno.

Altro dall’autore:

About Author

Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Conferenza stampa Giuseppe Conte: 4,3 miliardi ai Comuni - Corriere della Sera-Olé: "Coronavirus, Dybala sorride: famiglia negativa" - Tuttosport-Coronavirus: Von Der Leyen stoppa eurobond. Conte, non decide lei - Agenzia ANSA-Juve, via libera al taglio degli stipendi dei calciatori. E il club risparmia 90 milioni - La Gazzetta dello Sport-Coronavirus, 92mila contagi e 10mila morti. Altri 889 decessi in 24 ore - Il Fatto Quotidiano-Coronavirus Italia, bollettino del 28 marzo. Oltre 10mila morti, boom di guariti - QUOTIDIANO.NET-Cottarelli: «La Bce ci aiuta, incredibile pensare che l'Italia starebbe meglio fuori dall'Ue» - Corriere della Sera-Coronavirus, la Juventus con Chiellini: "Quali libri state leggendo in quarantena?" - Tutto Juve-Coronavirus, in Lombardia quasi 6.000 morti e 40mila contagiati - IL GIORNO-Coronavirus, in Gazzetta le regole per la sospensione dei mutui. Non servirà l'Isee - la Repubblica
Top