Giornata della Terra 2022, come parlare dei cambiamenti climatici ai bambini

In evidenza

Redazione i404
i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

parlare di cambiamenti climatici ai bambini
Photo by Юлія Дубина on Unsplash

Il 22 aprile è la Giornata della Terra. L’Earth Day è un momento importante per riflettere su quanto possiamo ancora fare per salvare il pianeta e la vita che lo popola. Anche se, in realtà, siamo già in ritardo sulla tabella di marcia proposta dagli scienziati per evitare l’irreparabile. In questo giorno possiamo parlare dei cambiamenti climatici insieme ai bambini, perché non devono ignorare la realtà, ma cercare di comprenderla al meglio.

Parlare dei cambiamenti climatici ai bambini è importante

L’Unicef, l’associazione in difesa dei diritti dei bambini di tutto il mondo, sottolinea che parlare dei cambiamenti climatici ai bambini è fondamentale. Devono sapere quello che accade nel mondo ed è compito di genitori, insegnanti ed educatori dare loro gli strumenti più idonei alla loro età per poter comprendere un tema troppo spesso ignorato dagli adulti. E per poter capire soprattutto cosa possiamo fare nel nostro piccolo per fare la differenza.

Secondo i dati più recenti, infatti, il 99% dei 2,2 miliardi di bambini del mondo, praticamente tutti, sono esposti ad almeno una minaccia ambientale, tra:

1 miliardo di bambini è a rischio estremamente elevato per quello che riguarda le conseguenze della crisi climatica. Tutti i bambini del mondo saranno colpiti dai cambiamenti climatici.

Giornata della Terra
Photo by S&B Vonlanthen on Unsplash

La Giornata della Terra è il momento migliore per parlare di cambiamenti climatici

Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia, spiega: «In occasione della Giornata della Terra, come UNICEF vogliamo sottolineare quanto il cambiamento climatico incida sul futuro e sul benessere dei nostri bambini e delle nostre bambine».

Parlare con loro di questi argomenti è fondamentale, soprattutto per rendere chiara la situazione: «Non sorprende, infatti, che i bambini abbiano già sentito parlare di questa tematica e che possano provare molte emozioni, come essere ansiosi, spaventati, tristi e arrabbiati. Anche se non possiamo arrestare immediatamente il cambiamento climatico, possiamo aiutare i bambini a scoprire i fatti, a sapere che non sono soli e trovare il modo di agire, possiamo coinvolgerli con ottimismo e positività».

earth day
Photo by Filip Urban on Unsplash

6 modi per parlare di cambiamenti climatici con i bambini

L’Unicef offre alcuni suggerimenti per parlare di climate change a casa e a scuola.

  1. Fare i compiti. Informarsi bene prima da risorse affidabili anche disponibili online è fondamentale. Preparati a rispondere a tutte le risposte che i bambini potrebbero farti.
  2. Ascoltare. Per iniziare una perfetta conversazione con i bambini cerca prima di scoprire cosa sanno o cosa hanno sentito a riguardo e poi da lì partire con tutte le argomentazioni necessarie.
  3. Usare evidenze scientifiche che possono comprendere. Le informazioni devono essere appropriate all’età e al grado di conoscenza del bambino. Partire dalla quotidianità e da gesti e azioni che vedono o fanno tutti i giorni è un buon inizio.
  4. Passare del tempo all’aria aperta, incoraggiando i piccoli a giocare fuori e a imparare le buone norme per rispettare la natura. Nel verde possiamo trovare tanti spunti interessanti per parlare di climate change.
  5. Concentrarsi sulle soluzioni. Per ogni problema di cui parli con i bambini, prova a mostrare anche una soluzione. E fai esempi pratici su quello che già in casa o a scuola si fa per risolvere piccoli o grandi problemi.
  6. Potenziare l’azione. Se già pensi di fare abbastanza, in realtà c’è sempre molto da imparare nella lotta ai cambiamenti climatici. Racconta ai bambini dei ragazzi di Fridays for future e chiedi se anche loro vogliono scendere in piazza per la giustizia climatica.

L’importante è non ignorare la realtà e la portata del problema, ma essere chiari, con parole semplici e comprensibili.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img