Compostabile e biodegradabile: la differenza che forse non conosci