La causa dell’inquinamento atmosferico siamo noi

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’inquinamento atmosferico può sembrare una cosa complessa. Lo è. Ma è anche vero che possiamo fare la nostra parte, comprendendo innanzitutto, cosa lo causa.
Perché l’aria che respiriamo ci sta uccidendo.
Nel perseguire ricchezza, guadagno, agio, ignoriamo i limiti fisici dell’aria, degli oceani, delle foreste, rappresentando la principale causa dei nostri problemi.

Il 95% della popolazione umana respira aria inquinata.
Causando all’economia globale $ 5 trilioni ogni anno in costi di welfare.

E le 5 principali fonti di inquinamento atmosferico sono derivate dalle attività umane: l’agricoltura, combustibili domestici, l’industria, i trasporti e i rifiuti.

Inquinamento atmosferico causato dall’agricoltura.

Le mucche producono metano e ammoniaca. E poi c’è la combustione di rifiuti agricoli.
Il metano è un gas di riscaldamento globale che ha un impatto di 34 volte maggiore al biossido di carbonio, in un periodo di 100 anni. Le sue emissioni contribuiscono all’ozono a livello del suolo e causa asma ed altre malattie respiratorie.
Le soluzioni per ridurre questa fonte di inquinamento impattano sulla dieta alimentare, con l’adozione di una dieta vegetale o con un minor uso di carne da animali domestici, l’introduzione di insetti come cibo del futuro o il cibo stampato in 3D. Nel contempo gli agricoltori possono contribuire alla lotta all’inquinamento atmosferico causato dall’agricoltura ottimizzando la digeribilità dei mangimi e migliorando la gestione di pascoli.
Certamente non adottando allevamenti intensivi che producono polveri sottili.

Inquinamento atmosferico causato da inquinamento domestico.

La combustione interna di combustibili fossili, legno e altri combustibili a base di biomassa per cucinare, riscaldare, illuminare, è la principale fonte di inquinamento domestico.
Nonostante sia aumentata la percentuale di famiglie che hanno accesso a combustibili più puliti, nel mondo 3 miliardi di persone continuano ad utilizzare combustibili solidi e fuochi aperti per cucinare, illuminare, riscaldare. Purtroppo, ogni anno, sono circa 3,8 milioni le morti premature causate da inquinamento atmosferico indoor. Principalmente nei paesi in via di sviluppo.

L’obiettivo 7 dell’Agenda 2030 punta ad un’energia pulita ed accessibile, mirando a implementare strutture ed accessi a servizi energetici sostenibili, aumentando considerevolmente la quota delle energie rinnovabili.

Photo by Kamil Feczko on Unsplash

Inquinamento atmosferico causato dall’industria.

Centrali elettriche a combustione di carbone per produrre energia, generatori diesel, processi industriali, impiego di solventi nelle industrie chimiche e minerarie, sono tutte fonti di inquinamento atmosferico. Programmi e politiche votate ad incentivare l’efficienza energetica hanno notevole impatto sulla qualità dell’aria del paese e del mondo.

Inquinamento atmosferico causato dai trasporti.

I trasporti rappresentano quasi un quarto delle emissioni di carbonio legate all’energia. Le emissioni dei trasporti sono state collegate a 400.000 morti premature, di cui quasi la metà è causato dalle emissioni di gasolio.
Le persone che vicino vicino alle arterie di traffico hanno il 12% in più di avere una diagnosi di demenza.
È ovvio come una politica per l’adozione di carburanti più puliti, il favoreggiamento dell’uso della bicicletta, anche per iniziative commerciali, come le cargo bike per le consegne nei centri urbani, l’implementazione dell’utilizzo di mezzi pubblici, anche con soluzioni di smart working, possano favorire il benessere e la salute personale e collettiva.

L’Ue ha fissato l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nel 2020, ma lo sta ancora superando.

Photo by Pavel Anoshin on Unsplas

Inquinamento atmosferico causato dai rifiuti.

Le discariche rilasciano diossine nocive, metano, carbone nero nell’atmosfera.
Ancora oggi si stima che il 40% dei rifiuti nel mondo viene bruciato. Il problema non è solo nei paesi in via di sviluppo o nelle regioni di urbanizzazione dove è più grave. La combustione di rifiuti agricoli e urbani viene praticata in 166 paesi di 193.

Cosa puoi fare tu? Ridurre gli sprechi, separare i rifiuti, riciclare.

Photo by Steve Halama on Unsplash

Inquinamento atmosferico che non deriva da attività umane.

Eruzioni vulcaniche e tempeste di sabbia sono piuttosto problematiche. Le particelle di polveri possono viaggiare per migliaia di chilometri sul dorso di queste tempeste trasportando agenti patogeni e nocivi.
Ma se per l’inquinamento che non dipende dall’uomo possiamo avere minore impatto come individui, il nostro agire può invece fare molto sulle principali cause di inquinamento.

Se non vivi sostenibile rendi la tua vita insostenibile.
(Oscar di Montigny, 28 maggio, Festival dello Sviluppo sostenibile, Milano).

Informazioni dal sito web della Giornata mondiale dell'ambiente.

Altro dall'autore:


Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

About Author

Redazione i404
Redazione i404

i404 racconta com'è cambiato il mondo e dove sta andando. Quello che raccontiamo è un’opportunità.


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Top