Cambiamenti climatici nella storia della Terra, non una novità: perché oggi è importante agire?

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

La storia della Terra è lunghissima. Ed è caratterizzata da profonde modifiche che ne hanno caratterizzato l’aspetto.
Il mondo, dalla sua nascita e fino a oggi, ha attraversato importanti cambiamenti climatici. Aumenti e cali delle temperature repentini.
I negazionisti dell’emergenza climatica si appoggiano a questa tesi per affermare che quelli di Greta Thunberg, scienziati e attivisti per il clima sono puri allarmismi.
Ma recenti studi scientifici smentiscono. I cambiamenti climatici che la Terra affronta oggi sono diversi da quelli del passato. Per questo dovremmo agire. E dovremmo farlo in fretta.

Cambiamenti climatici sulla Terra

Image by Leo_65 from Pixabay

Storia dei cambiamenti climatici sulla Terra.

I cambiamenti climatici o mutamenti climatici sono fisiologici e indicano variazioni del clima della Terra. Possono riguardare non solo le temperature, ma anche altri fattori atmosferici.
Quando si guarda indietro ai grandi cambiamenti relativi all’aumento o al calo delle temperature, si assiste a uno scenario diverso da quello attuale. Di solito riguardavano solo delle regioni terrestri. Avvenivano in tempi più lunghi. Non erano repentini come negli ultimi anni.
La storia climatica terrestre ha attraversato profondi mutamenti del suo clima. Che hanno messo a dura prova l’esistenza stessa di alcune specie. Proprio come avviene oggi. Ma a differenza della situazione attuale,  non erano di portata così globale. E non erano così intensi e rapidi come lo sono oggi.

Per la maggior parte della sua storia la Terra è stata una “serra” (greenhouse, come la definiscono gli inglesi), per le alte temperature. Ai tempi dei dinosauri, 230 milioni di anni fa, gli oceani erano molto caldi, i ghiacci quasi assenti ai poli, il mare era più alto di almeno 20 metri.
Poi la Terra, 33.9 milioni di anni fa, è entrata nella fase di icehouse, con temperature più basse, ghiacciai ai poli.
In queste due grandi fasi, il pianeta ha attraversato mutamenti piccoli o più grandi per quello che riguarda le temperature. Fino ad arrivare alla situazione odierna.

Glaciazioni del Pleistocene.

Forse le glaciazioni del Pleistocene sono i cambiamenti climatici più famosi e ricordati dai libri di studio.
2 milioni di anni fa la terra ha attraversato un periodo glaciale che ha colpito le terre emerse dell’emisfero settentrionale. Erano completamente coperte da ghiacci.
L’Europa stessa ha attraversato diverse fasi glaciali nella sua storia. Attualmente viviamo in quello che è considerato un periodo interglaciare, iniziato 15mila anni fa. Circa 5.000 fa, tra il Paleolitico e il Neolitico, le migliori condizioni termiche hanno permesso un miglior sviluppo dell’umanità sulla terra.

Periodo caldo romano.

Non solo glaciazioni. È passato alla storia il cosiddetto periodo caldo romano o periodo caldo medievale, che ha interessato la regione del Nord Atlantico tra il IX e il XIV secolo.
Fu un periodo caratterizzato da siccità in diverse parti del mondo, come nel nord America. Nell’Africa equatoriale dell’est nel periodo caldo medievale iniziò un lungo periodo secco.

Piccola era glaciale.

Spesso viene ricordata anche la PEG, la piccola era glaciale, o Little Ice Age, LIA. Si tratta di un lasso di tempo della storia climatica della Terra che indicativamente va dalla metà del XIV alla metà del XIX secolo.
Le temperature medie si abbassarono in maniera improvvisa e importante.
Questa piccola era glaciale fu in grado di colpire il Pacifico nel 15esimo secolo. Mentre in Europa ebbe i suoi effetti peggiori durante il 17esimo secolo.

Cambiamenti climatici oggi

Photo by Markus Spiske on Unsplash

I cambiamenti climatici oggi sono diversi.

Alcuni recenti studi scientifici pubblicati su Nature e Nature Geoscience sottolineano che il global warming è reale. Ed è una minaccia. Come non lo è mai stato nella storia della Terra.
Gli studiosi hanno analizzato i cambiamenti climatici che hanno caratterizzato la storia del pianeta Terra confrontandoli con la situazione attuale. Arrivando alla conclusione che oggi sono più rapidi, più veloci, più intensi. E anche più estesi. Perché riguardano tutto il globo e non solo determinate aree. Il global warming provocato dall’uomo, dalle sue attività, dalla Rivoluzione Industriale in poi, non ha precedenti nella storia della Terra.

I precedenti mutamenti climatici avevano cause leggermente differenti da quelle che sperimentiamo oggi. Il clima cambiava per le eruzioni vulcaniche. O per altri fattori ancora al vaglio dei ricercatori come l’orbita terrestre, l’energia solare, la tettonica a placche, eventi atmosferici di enorme portata. Mentre oggi le attività antropiche sono in grado di accelerare fenomeni fisiologici che la Terra affronta da millenni. Ma mai così velocemente. Se in passato i cambiamenti sono avvenuti nel corso di centinaia di migliaia di anni, oggi risultano essere molto più veloci. Il 97% della comunità scientifica concorda su questo punto fondamentale.
Così come riguardavano parti del globo terrestre. E non tutta la Terra come invece avviene oggi. Incendi in Amazzonia e incendi in Australia. Maltempo che diventa emergenza climatica in Italia, in Europa, in Asia. Scioglimento dei ghiacciai. Innalzamento delle acque e delle temperature degli oceani.
Arrivando ad abbracciare non solo tutta la Terra in quella che sembra una morsa di ferro dalla quale è difficile liberarsi. Ma anche un arco di tempo decisamente lungo.

Cambiamenti climatici emergenza

Photo by William Bossen on Unsplash

Agire in fretta e ascoltare la scienza: perché oggi è fondamentale.

Negli ultimi decenni il 98% della superficie terrestre ha registrato temperature massime da record negli ultimi 2000 anni.
Un fenomeno non più localizzato, nello spazio e nel tempo. Ma globale. Che spinge a comprendere l’urgenza di intervenire e agire. Come richiesto da moltissimi scienziati. E amplificato da Greta Thunberg e tutti gli attivisti per il clima che oggi scendono in piazza.
Il clima sulla Terra è sempre cambiato. Ha sempre subito modifiche. E questo è un dato di fatto che nessuno può confutare. Prove e studi scientifici alla mano.
Se questo è vero e accettato da tutta la scienza, anche la più scettica, è altrettanto vero, come dimostrano recenti ricerche, che gli eventi a cui stiamo assistendo oggi non hanno nulla a che vedere con i mutamenti climatici che hanno caratterizzato nel passato la storia della Terra. L’uomo ha contribuito ad accelerare i naturali movimenti climatici della Terra.

Oggi il fenomeno riguarda tutti. E riguarda un lasso di tempo decisamente ampio. Nel quale non si è fatto praticamente nulla per indagare, capire, agire, invertire la rotta.
Per questo motivo bisogna accogliere e diffondere l’appello degli scienziati che invitano tutti ad ascoltare la scienza. Dati alla mano. Perché se è vero che il clima sulla Terra è sempre cambiato, è altrettanto vero che non lo ha mai fatto in questo modo. E che l’uomo non ha mai avuto un ruolo così fondamentale nel suo mutamento repentino.
E deve trovare anche il modo di avere un ruolo altrettanto fondamentale nella risoluzione del problema.

Altro dall’autore:

About Author

Patrizia Chimera

Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione


COMMENTA CON FACEBOOK




Lascia un commento

Top