Gli anelli degli alberi non indicano solo l’età delle piante, ma anche i cambiamenti climatici

In evidenza

Patrizia Chimera
Giornalista pubblicista di attualità e lifestyle. Spirito zen, curiosità innata, ama sempre mettere tutto in discussione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

anelli alberi
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

Gli anelli degli alberi indicano l’età di una pianta. Questo lo sanno anche i bambini. Un fatto che ci ha sempre affascinato, perché gli anelli di crescita posizionati all’interno del tronco possono darci indicazioni utili su quanto ha vissuto quell’esemplare che ci troviamo di fronte.
Quanti sapevano che attraverso questo strumento si possono conoscere anche i cambiamenti climatici che la pianta ha vissuto nel corso della sua storia?
La dendrocronologia studia proprio questo. È una scienza molto utile che ci consente di fare viaggio nel tempo.

Cos’è la dendrocronologia

Il termine dendrocronologia deriva da parole greche che significano “albero”, “tempo”, “studio”. Rappresenta un sistema di datazione a scala fluttuante che si basa proprio sul conteggio degli anelli di accrescimento annuale degli alberi.
Il metodo è stato ideato da Andrew Ellicott Douglass nel 1906. Anche se il primo a parlare della formazione annuale di questi anelli è stato Leonardo da Vinci.
Da inizio Novecento questa scienza è impiegata per studiare il sole e il clima sul nostro pianeta. Tre i principi su cui si basa:

Ogni albero produce un anello di accrescimento ogni anno. Si può vedere nella sezione trasversale del trono.
Gli alberi della stessa specie legnosa, che vivono nella stessa zona geografica, producono serie di anelli simili, perché lo spessore dipende dalle condizioni climatiche.
Le sequenze anulari degli alberi vissuti nello stesso periodo nella medesima area geografica si possono confrontare.

I prelievi vengono eseguiti su alberi viventi e su legni antichi. Per ogni albero lo scienziato ottiene la curva dendrocronologica e confrontando le sequenze ricavate da alberi di “età” diverse si può ottenere una curva standard, che può andare indietro anche di migliaia di anni.

albero
Foto di Thomas B. da Pixabay

Anelli degli alberi e studio dei cambiamenti climatici

Come ben spiegato su Facebook nella Giornata Mondiale degli Alberi 2021, gli anelli degli alberi possono contenere informazioni utili a studiare come nel tempo il clima è cambiato sulla Terra.

Grazie alla dendrocronologia si possono ricostruire, andando a ritroso nel tempo anche di moltissimi anni, tutti gli eventi climatici avvenuti sul pianeta, semplicemente seguendo gli anelli di accrescimento degli alberi. Uno studio che può essere utile per comprendere quanto nel corso del tempo e in diverse aree geografiche del mondo il clima ha subito mutamenti più o meno importanti e repentini.
Le sezioni del tronco possono dare informazioni su siccità o su quanta pioggia è caduta, ma anche sull’inquinamento da metalli pesanti, incendi, valanghe e molto altro ancora.

dendrocronologia
Foto di ctvgs da Pixabay

L’importanza oggi degli studi di dendroclimatologia

La dendroclimatologia è la scienza applicata al clima sulla Terra, con ricostruzione della temperatura a cui gli alberi hanno vissuto nei decenni o nei secoli precedenti. Si può andare indietro fino a 1000 anni.
L’ampiezza degli anelli degli alberi rappresentano dei validi indicatori (proxy) climatici. Strumenti utili per poter ricostruire il passato e paragonarlo con il presente, sia per quello che riguarda le temperature sia per quello che riguarda le precipitazioni. Il margine di incertezza esiste, ma è minimo ed è una scienza indispensabile per comprendere quello che è accaduto anni fa, confrontandolo con quello che sta accadendo oggi.

- Pubblicità -spot_imgspot_img

Commenta

Perfavore inserisci un commento!
Nome

- Pubblicità -spot_img

Correlati